paola barale

Paola Barale ha di recente manifestato il suo profondo disagio per un problema che l’affligge e che l’accomuna a tantissime persone in questo periodo. No, non si tratta del coronavirus o dei problemi causati da esso: si tratta dell’allergia al polline.

La dichiarazione in diretta su Instagram

L’occasione per parlare del suo problema è nata nel corso di una diretta Instagram con la dottoressa Camilla D’Antonio, con cui ha parlato di cura della pelle e del viso e di protezione contro i raggi del sole d’estate.

Nel parlare di disagi stagionali la Barale ha spiegato:Soffro molto di allergia.

Ne risentono molto gli occhi, il contorno occhi. Anche ora ho sempre gli occhi rossi”. Oltretutto dover utilizzare la mascherina non rende le cose più facili, in quanto per un allergico è difficile soffiarsi il naso costantemente. 

Un problema temporaneo ma fastidioso

Si tratta per fortuna di un problema temporaneo: con il passare del tempo e l’arrivo dell’estate la situazione si normalizzerà. Purtroppo per i follower di Paola barale che soffrono dello stesso problema non è possibile rivedere la diretta ed usufruire dei preziosi consigli della dottoressa D’Antonio: Paola Barale ha spiegato che, per un errore non meglio specificato, ha cancellato la diretta anziché salvarla.

Fra qualche giorno sarà però possibile riascoltare le due in una nuova diretta insieme.

Allergia e coronavirus: come distinguerli

L’allergia primaverile, quest’anno, è stata vissuta da diverse persone in maniera più problematica del solito. Con l’epidemia di coronavirus arrivata alla fine dell’inverno in Italia, in molti si sono chiesti se sarebbe stato facile distinguere i sintomi di una semplice allergia da quelli del Covid-19. Gli esperti hanno però spiegato che vi sono alcuni sintomi proprio del Covid-19 che sono totalmente assenti negli allergici.

Tra questi: la febbre alta, problemi ai sensi di gusto e olfatto. Inoltre gli allergici starnutiscono a raffiche (molti starnuti per attacco) mentre la rinite dei malati di coronavirus è a manifestazioni isolate.

Approfondisci:

Allergia al polline: ecco come distinguerla dal coronavirus