Asia Argento a Live non è la d'Urso

Il rapporto tra Morgan e Asia Argento si è fatto via via sempre più burrascoso. Soprattutto negli ultimi mesi, da quando il cantante ha rilasciato nuove rivelazioni in merito al suo rapporto con l’ex, definendola violenta e non solo.

Asia, ospite a Live- Non è la d’Urso ha voluto replicare duramente a certi exploit di Morgan, soprattutto a quelli in cui lui attacca quello che secondo lui è il nuovo modello di società matriarcale fondata sulla finta debolezza della donna.

Asia contro Morgan: “Mentecatto”

L’attrice non si è detta sorpresa delle dichiarazioni dell’ex, “Abbiamo un archivio delle sue dichiarazioni” ha esordito, aggiungendo: “Direi genio se non fosse un mentecatto“.

Noi vediamo tutti i giorni le violenze che subiscono le donne, non avere gli stessi di diritti, le quote rosa… e ora siamo in un sistema matriarcale in cui le donne si fingono deboli per sottomettere gli uomini e rubare loro i figli di cui non si vogliono occupare” ha detto esterrefatta, “Io l’ho lasciato sto marco, 14 anni fa, io e mia figlia, ce ne siamo andati dalle grinfie di questa persona malata“.

“È matto”

Io di notte dormo” ha detto “È matto, lo sappiamo tutti. Noi, voi, gli altri gli diamo spazio quando ha dei gravi problemi, si deve far curare non solo disintossicare“.

Quest’uomo non è capace di prendersi una responsabilità che sia sua. Non è un padre ingombrante è assente“, ha detto Asia ripercorrendo tutte le vicende vecchie e nuove, compreso Sanremo, asserendo che il suo è un disturbo narcisista. “È da anni che mi sfrutta per farsi pubblicità e io non gli rispondo più per rispetto di mia figlia” ha detto, in riferimento al libro appena uscito del cantante.

Mamma mia come sta, qualcuno lo aiuti. Non lo dico più poverino, è una persona affetta da disturno narcisistico e non può essere aiutato se non cerca aiuto. A me non fa più né caldo né freddo“.

Approfondisci:

Morgan, è già crisi con la compagna? “Quarantena di dolore assoluto”

Morgan contro Bugo al prossimo Sanremo: la proposta ad Amadeus