Tragedia a Lecco: 2 bambini morti strangolati. Il padre si suicida: si stava separando dalla moglie

Una tragedia ha sconvolto la comunità di Margno (Lecco) questa mattina. Due bambini, di soli 6 e 12 anni, son stati ritrovati senza vita dentro casa dalla madre. Qualcuno li ha strangolati. I sospetti ricadono tutti sul padre dei piccoli, trovato morto nelle vicinanze. Si sarebbe suicidato. Il movente, dalle prime indiscrezioni, sembrerebbe la complicata separazione fra i due genitori. Pochi giorni fa, sempre in Lombardia, un’altra tragedia ha distrutto una famiglia.

Ipotesi omicidio-suicidio

Le giovani vittime sono un bambino di 6 anni e la sorella maggiore, di 12. Secondo le prime indagini dei carabinieri, ad ucciderli sarebbe stato il padre, in un classico caso di omicidio-suicidio.

I militari hanno infatti ritrovato il corpo senza vita del genitore poco distante dall’abitazione di famiglia dove son morti i figli. Teatro della tragedia Margno, nel Lecchese, in un condominio poco distante dalla funivia montana locale che porta a Pian delle Betulle. L’abitazione di Margno dove è avvenuto il duplice omicidio è la casa di villeggiatura della famiglia, originaria della provincia di Milano. I piccoli quindi sarebbero stati uccisi mentre si trovavano in vacanza con il padre.

I bambini sono stati strangolati

Gli investigatori hanno accertato la causa di morte dei piccoli: sono stati strangolati. Emerge anche un possibile movente della furia omicida che ha travolto i minori innocenti. I genitori pare si stessero separando, e non in maniera pacifica e serena. A trovare i corpi e a chiamare le forze dell’ordine sarebbe stata proprio la madre dei due bambini. Per loro, purtroppo, non c’era più nulla da fare. All’arrivo dei soccorsi, questa mattina di sabato 26 giugno, il padre e i due bambini erano già morti.

Al momento le indagini proseguono, alla ricerca di ulteriori dettagli che possano far luce sulle dinamiche dell’omicidio-suicidio e sulle cause del folle e tragico gesto.