Norah e Romy Carpentier

Orrore in Canada per il caso di Romy e Norah Carpentier, sorelline di 6 e 11 anni scomparse e trovate morte in un bosco nei pressi di Saint-Apollinaire, città della provincia del Québec. È caccia al padre, il 44enne Martin Carpentier, sospettato di un coinvolgimento nella morte delle minori.

Sorelline trovate senza vita: ricercato il padre

Sospettato di un legame con la morte delle due bimbe, il padre dele piccole Romy e Norah Carpentier è attualmente ricercato dalla polizia del Québec.

Le bimbe risultavano scomparse dopo un ultimo avvistamento mentre facevano shopping insieme al genitore, il 44enne Martin Carpentier, di cui si sono perse le tracce.

Dopo ore di apprensione, il terribile epilogo e la conferma, da parte delle autorità, del ritrovamento dei loro corpi senza vita, avvenuto lo scorso 11 luglio, in una zona ricca di vegetazione nei pressi della città di Saint-Apollinaire, nel Québec.

Tweet di Ctv Ottawa
Tweet di Ctv Ottawa – Fonte: Twitter/Ctv Ottawa

Amélie Lemieux, madre delle piccole, ai microfoni della stampa canadese ha espresso il suo dolore per la tragedia che ha colpito la sua famiglia, e ha ringraziato quanti si stanno adoperando per le ricerche e per risolvere il caso.

Le sue figlie risultavano scomparse dallo scorso 8 luglio. “Dal primo respiro, vi ho amato entrambe incondizionatamente. Siete tutta la mia vita, la mia ragione di essere“, ha dichiarato la donna tra le lacrime.

La polizia batte tutte le piste

La polizia provinciale ha ristretto le attività investigative per trovare il 44enne intorno a un’area vicina a Rang Saint-Lazare, una zona rurale a sud-ovest di Quebec City.

Le ricerche effettuate negli ultimi giorni hanno riguardato una superficie di chilometri.

Pattugliatori a piedi, mountain bike, droni, unità cinofile e altri specialisti hanno pattugliato intensamente. Alcuni indizi sono stati recuperati. Continuano le nostre ricerche per localizzare Martin Carpentier. In serata, le informazioni ricevute ci hanno portato a rastrellare un settore a pochi chilometri da dove si effettuavano le ricerche. I controlli si sono rivelati negativi. Nonostante le difficili condizioni, la nostra priorità rimane ritrovare l’individuo. La nostra ricerca andrà avanti“, si legge sulla pagina ufficiale Facebook della polizia della provincia del Québec.

Il messaggio di Justin Trudeau

Cordoglio da parte del premier canadese Justin Trudeau, che ha affidato ai social il suo messaggio per la famiglia delle piccole vittime: “Sono devastato dalla notizia giunta dal Quebec, una tragedia incomprensibile per qualsiasi genitore.

Il mio cuore si spezza per la famiglia e gli amici di Norah e Romy, a cui mando le mie più sentite condoglianze. Sappiate che stanotte tutti i canadesi vi terranno nei loro pensieri“.

Tweet di Justin Trudeau
Tweet di Justin Trudeau – Fonte: Twitter/Justin Trudeau