volante della polizia

Terribile caso di violenza domestica e abusi quello che viene riportato da numerose fonti locali di Napoli. Viene riferito che una donna è stata brutalmente vittima di botte e condotte violente, tanto da perdere il bambino che portava in grembo. Arrestato dalla Polizia il marito 39enne.

Segregata in casa e picchiata

Sono stati i medici del reparto di Ginecologia dell’ospedale San Giovanni Bosco a lanciare l’allarme, dopo aver appurato le condizioni di una donna di Napoli, vittima di ripetute violenze. Come riportato da numerose fonti, le violenze da parte del marito andrebbero avanti almeno dal 2016.

Nell’ultimo periodo, però, si sarebbero fatte ancora più brutali.

Viene riportato infatti che il marito 39enne avrebbe segregato in casa la moglie incinta a marzo 2020. Un inferno per la donna, che sarebbe stata picchiata ogni giorno.

Perdo il figlio al sesto mese di gravidanza

A rendere ancora più drammatica la notizia, il fatto che la donna fosse incinta al sesto mese. Le violenze del marito avrebbero causato la fine della gravidanza e la perdita del feto in grembo. Proprio da quest’ultimo violento episodio sarebbe derivato il ricorso alle cure mediche dell’Ospedale San Giovanni Bosco, nel pomeriggio del 13 luglio.

Viene riferito infatti che ad accompagnare la donna sarebbe stato il marito stesso.

Visitate, i medici le hanno riscontrato ecchimosi sul corpo, fratture multiple e il reparto di Ginecologia ha accertato la drammatica interruzione di gravidanza. Da lì la denuncia e l’intervento della Polizia.

Arrestato il marito 39enne

Come riportano le fonti locali, è passato solo un giorno da quando la donna è andata in ospedale, a quando è intervenuta la Squadra Mobile. Il 14 luglio sera, la Polizia ha infatti arrestato il marito 39enne per maltrattamenti aggravati e lesioni pluriaggravate.

Vengono riportati gravi indizi di colpevolezza che hanno spinto la Procura di Napoli a emettere un mandato d’arresto nei confronti dell’uomo. Un incubo forse finito per la donna, provata da anni di violenze fisiche e psicologiche.

Approfondisci

Femminicidi, Conte: “Una strage. Codice rosso deve essere più efficace”