Tragedia in Canada, autobus si ribalta sul ghiacciaio: morti e feriti gravi fra i turisti

Tragica disavventura per un gruppo di turisti in Canada. Nei pressi di un ghiacciaio all’interno del Parco Nazionale di Jasper (Alberta), il bus turistico si è ribaltato. L’incidente ha provocato, per il momento, 3 morti e alcuni feriti gravi.

3 morti sull’antichissimo ghiacciaio

Il Columbia Icefield è il campo di ghiaccio più grande della catena delle Montagne Rocciose. Formatosi oltre 200mila anni fa, durante la Grande Glaciazione, copre un’area di oltre 300 chilometri quadrati. Buona parte del Columbia Icefield rientra nel territorio del Parco Nazionale di Jasper (Alberta), attirando migliaia di turisti ogni anno.

Chiunque sia stato da quelle parti ha un’esperienza indimenticabile, ma per 27 di loro sfortunatamente non grazie alla bellezza mozzafiato della natura selvaggia. Ieri mattina, sabato 18 luglio, un bus per la visita guidata dei ghiacciai si è ribaltato durante una manovra nei pressi del ghiacciaio Athabasca. Dei 27 passeggeri, 3 hanno incontrato la morte. Altri hanno riportato gravi ferite, fa sapere la CBC canadese.

Feriti gravi dopo il ribaltamento del bus

Al momento non si conosce l’identità dei turisti, perché le indagini e i lavori di identificazione sono ancora in corso.

I feriti sono stati trasferiti d’urgenza, grazie agli elicotteri di Parks Canada, in un’area di soccorso per le prime cure. Successivamente, con le ambulanze, hanno raggiunto diversi ospedali nella provincia dell’Alberta. Intorno all’1 del pomeriggio di sabato, paramedici, vigili del fuoco e polizia hanno raggiunto il luogo dell’incidente. A lanciare l’allarme è stata Tanya Otis, dell’azienda Pursuit che possiede i bus utilizzati per l’osservazione dei ghiacciai nella zona. “Forniremo altri dettagli appena possibile. La nostra priorità ora è stare con i feriti e le loro famiglie”, ha promesso Tanya Otis.

Stando a quanto riportano le fonti locali, non sarebbero pochi i feriti in condizioni critiche per il ribaltamento dell’autobus. Come si può vedere dalle foto diffuse sui social network, il mezzo si è completamente capovolto.