dottore in ospedale per coronavirus

Un ragazzo di 17 anni si trova ricoverato al Policlinico di Milano in terapia intensiva pediatrica. Il ragazzo, dopo un primo ricovero al pronto soccorso di Seriate, è stato trasferito a Milano all’aggravarsi delle due condizioni. Il 17enne è stato anche sottoposto a tampone, risultando positivo al Covid-19.

17enne ricoverato e positivo al coronavirus

Stando a quanto riporta l’Eco di Bergamo, un giovane 17enne di Albano Sant’Alessandro, nel Bergamasco, è stato ricoverato martedì al pronto soccorso di Seriate. I suoi sintomi sembra fossero febbre e sintomi gastrointestinali. In ospedale è stato sottoposto al tampone ed è risultato positivo al Covid-19.

Le sue condizioni poi si sono aggravate ed è stato deciso il trasferimento a Milano. Ora si trova ricoverato al Policlinico di Milano in terapia intensiva pediatrica.

Il covid e le persone venute a contatto

Una volta risultato positivo al coronavirus, le autorità hanno dovuto ricostruire gli spostamenti del giovane per capire con chi fosse venuto a contatto, come si fa in questi casi per evitare il progredire del contagio. I parenti del ragazzo e le autorità insieme hanno ricostruito i suoi spostamenti e infine individuato come possibile momento del contagio una festa con amici a Ferragosto.

L’Ats (Agenzie di Tutela della Salute) ha rintracciato i suoi contatti e ora 23 persone dovranno sottoporsi al tampone.

Coronavirus: l’andamento dei contagi

L’ultimo bollettino diffuso ieri dalla Protezione Civile parlava di 403 nuovi casi sul territorio italiano: il numero dei contagiati, aggiornato a ieri, è salito a 642 persone contagiate. Sono 7 i morti nelle ultime 24 ore, e 364 i guariti. Da sottolineare anche che è aumentato il numero dei tamponi effettuati, che sono passati da 53.976 a 71.095.

Ecco poi la situazione Regione per Regione: 76 contagi in Emilia Romagna, 75 nel Lazio, 40 in Toscana e in Veneto 59 contagi. Al sud si hanno 40 contagi in Campania, 37 in Sardegna e 40 in Sicilia.

Approfondisci

Coronavirus, aumentano i contagi: preoccupazione per le terapie intensive