peschereccio in mare

Dramma a Lampedusa dove, nella prima serata di mercoledì, un peschereccio con a bordo tre marinai è affondato. La tragedia si è consumata in pochi minuti, subito dopo che l’imbarcazione aveva preso il largo.

A nulla è valso il tempestivo intervento della motovedetta della guardia di finanza, per uno dei marinai non c’è stato scampo. Sull’isola è stato proclamato il lutto cittadino.

Affonda un peschereccio

Non c’è pace per Lampedusa, l’isola al centro della nuova ondata migratoria oggi piange un nuovo morto in mare. Si tratta del pescatore 59enne Giovanni Bono, l’uomo si trovava a bordo del Valeria III insieme ad altri due colleghi quando all’improvviso si è consumato il dramma.

Il peschereccio si trovava al largo, a circa un miglio e mezzo da Capo Ponente, a ridosso della punta ovest dell’isola, quando ad un certo punto i marinai si sono accorti che stavano imbarcando acqua; stando ad una prima ipotesi a causa di una falla. A nulla sono valsi i tentativi di ripristinare la situazione, il peschereccio a iniziato ad affondare.

Un marinaio annegato

I marinai sono riusciti appena in tempo a lanciare l’allarme, sul posto è accorsa una motovedetta della Guardia di Finanza che è riuscita a trarre in salvo due su tre marinai.

Nulla da fare per il terzo, la barca è affondata troppo in fretta senza lasciargli scampo.

La vittima aveva 59 anni e lascia due figlie e una moglie; gli altri due marinai sono stati portati al poliambulatorio dell’isola, dove sono stati visitati.

Lutto cittadino a Lampedusa

Una tragedia che ha colpito il cuore dell’isola di Lampedusa, tant’è che il sindaco Totò Martello ha dichiarato il lutto cittadino e bandiera a mezz’asta per la giornata del 27 agosto.

Una tragedia che sconvolge la comunità di Lampedusa” si legge su Facebook, “E che mette in evidenza i rischi e le responsabilità che si assumono i nostri pescatori, ogni volta che escono in mare”.

Giovanni è morto mentre faceva il proprio dovere da buon padre di famiglia, è morto mentre faceva il suo lavoro. Giovanni era un vero amico, la notizia della sua morte mi ha raggelato, esprimo il mio più sincero cordoglio alla sua famiglia, anche a nome dell’Amministrazione comunale”.

Il post del sindaco di lampedusa per il marinaio deceduto