Cristina Parodi

Dalla televisione alla moda: è il passo compiuto da Cristina Parodi, celebre giornalista e conduttrice televisiva che ha recentemente lanciato il proprio marchio di abbigliamento. Nato dalla collaborazione con l’amica Daniela Palazzi, il nuovo brand prende il nome di Crida e punta a sostenere l’artigianato made in Italy, con un attenzione particolare al territorio di Bergamo, colpito negli scorsi mesi dall’emergenza Covid.

Una nuova vita da stilista

Siamo amiche da molto tempo e ci facciamo da sole i vestiti – aveva raccontato Cristina Parodi in un’intervista all’Adnkronos Quest’anno il progetto ha trovato uno sviluppo, facendoci sentire libere di cambiare vita a 50 anni”.

L’idea aveva iniziato a concretizzarsi già lo scorso gennaio, ma le grandi difficoltà legate al coronavirus avevano costretto tutta la filiera produttiva a fermarsi. Il brusco stop ha messo a dura prova le due amiche, che tuttavia non si sono scoraggiate, rimandando il lancio della collezione all’estate: “Si è bloccato tutto, ci sono state disdette – ha spiegato la Parodi – Essendo matricole abbiamo sofferto molto di questo, ma gli abiti stanno arrivando nei negozi e ci auguriamo che le clienti vadano a conoscerli”.

I prezzi degli abiti

La prima collezione è composta da una decina di abiti femminili, eleganti e colorati, tutti realizzati con tessuti italiani. A fornire la fonte di ispirazione sono stati i colori e le forme delle nostre città, come Bari, Capri, Firenze, Roma e Milano, da cui non a caso i vestiti prendono il nome. Per la Parodi si tratta di un vero e proprio messaggio di amore per l’Italia, valido a maggior ragione in tempi difficili. I prezzi, che vanno dai 525 ai 1098 euro, hanno finito per attirare qualche critica sui canali social della conduttrice, da parte di chi li ritiene eccessivi.

Secondo Cristina Parodi si tratta comunque di cifre adeguate, considerata la qualità dei materiali e la manifattura artigianale. A tutto ciò si aggiunge la lodevole iniziativa per la quale l’azienda donerà il 10% del valore di ogni acquisto effettuato sullo shop online a CESVI, l’ong di Bergamo in prima linea nel sostegno delle persone colpite dall’emergenza coronavirus: “Per noi bergamaschi è importante dare un segnale di solidarietà – ha concluso la Parodi nell’intervista all’Adnkronos A me ha aiutato molto concentrarmi su questo per far qualcosa di utile per la città”.

*(Immagine in alto: Instagram / Cristina Parodi)

Approfondisci

Cristina Parodi ancora nel mirino degli haters: insultata per una foto in vacanza

Cristina Parodi su Giorgio Gori confessa: “Sono stati mesi durissimi”

Coronavirus, Cristina Parodi su Bergamo: qui si piange in silenzio