donna violenza

Gli ultimi giorni di vacanza in un campeggio toscano si sono trasformati in un vero e proprio incubo per una ragazzina di 13 anni rimasta vittima di violenza sessuale.

Teatro del dramma un campeggio in Maremma, nel grossetano, a denunciare l’accaduto ai carabinieri sono stati i familiari della giovane dopo aver ascoltato il suo terribile racconto in stato di shock. I militari ora, in collaborazione con la polizia, sono sulle tracce dell’aggressore, un uomo di 46 anni che si è dato alla fuga.

13enne violentata in campeggio

I fatti risalgono allo scorso venerdì 4 settembre, secondo quanto riferito da La Nazione e Quotidiano.

Net, a raccontare tutto tra le lacrime è stata proprio la 13enne. Stando al racconto la ragazzina è caduta in una vera e propria trappola. ll suo aggressore è un uomo di 46 anni, conoscente della famiglia, che pare aver agito dopo aver studiato i movimenti della sua preda nei giorni precedenti.

L’uomo l’avrebbe colta di sorpresa per trascinarla in un posto lontano da occhi indiscreti, a quel punto l’ha stuprata con violenza e brutalità indicibile. Una volta riuscita a divincolarsi, la giovane è tornata alla roulotte dove ha raccontato tutto.

Il trasporto in ospedale

La 13enne è stata trasportata presso l’ospedale di Grosseto, dove i medici hanno applicato immediatamente le procedure del Codice Rosa (previste in caso di stupro). Terminate le visite, la ragazzina è stata ascoltata dai carabinieri ai quali ha detto che l’uomo è fuggito.

Caccia all’uomo

L’aggressore, secondo quanto riferito, è un uomo di 46 anni originario dell’Est Europa e pare non essere uno sconosciuto alla famiglia.

Immediatamente dopo l’aggressione è fuggito sull’Aurelia a bordo di una berlina bianca.

Sulle sue tracce, oltre ai carabinieri, ci sarebbero anche le forze di polizia che hanno istituito posti di blocco.

Versioni discordanti

Una vicenda delicata sulla quale ci sono al momento pochissime informazioni e, in alcuni tratti discordanti, secondo quanto riferisce La Repubblica in realtà la giovane non sarebbe stata violentata ma molestata dall’uomo. Una volta raccontato tutto alla mamma, quest’ultima si è rivolta direttamente al 46enne con il quale è nata una lite; a quel punto sono intervenuti i carabinieri ma dell’uomo comunque non ci sono tracce.