donna incinta uccisa

L’ossessione di avere un figlio maschio: sarebbe questo il motivo che ha spinto un uomo a tagliare la pancia della moglie con una falce, uccidendo il feto.

La difesa dell’uomo dall’accusa della famiglia

È successo nell’Uttar Pradesh, in India, dove l’uomo viveva con la moglie e le cinque figlie. Secondo quanto riferito alla BBC dalla sorella della donna, l’assenza di un figlio maschio era da tempo motivo di litigi nella coppia. La famiglia ha inoltre dichiarato che il marito avrebbe tagliato la pancia con la falce per scoprire il genere del bambino.

L’uomo è stato arrestato dalla polizia locale, ed ha affermato di non avere avuto alcuna intenzione di ferire la moglie e che si sarebbe trattato di un incidente. “Uno dei miei figli è morto” – ha dichiarato – “E i figli sono un dono di dio. Succeda quel che deve succedere”.

Un problema di genere

Essere una donna in India è difficile. Secondo le statistiche della Thomson Reuters Foundation, è lo Stato più pericoloso al mondo per le donne. Inoltre, la preferenza per i figli di sesso maschile porta ogni anno tante famiglie ad avere figlie “non volute”.

Sarebbero infatti 21 milioni le figlie nate dalla ricerca del figlio maschio, secondo le indagini economiche annuali dello Stato indiano. 63 milioni, invece, le donne mai nate in seguito ad aborti legati alla scelta del genere. Le bambine con già una sorella maggiore, inoltre, sembrerebbero essere vittime di discriminazioni in materia di salute e nutrizione, secondo quanto trovato dal Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione (UNFPA).

Le ragioni della preferenza per i maschi sarebbero legate desiderio dei genitori da anziani di vivere con i figli piuttosto che con le figlie, secondo quanto riportato nelle statistiche dell’Indian Human Development Survey (IDHS).