chiara ferragni

Aiuta a promuovere l’arte o è pura commercializzazione di un bene che non può permettersi di essere commercializzato? È questo, nuovamente, il dilemma che si ripropone alla porta di Chiara Ferragni, la nota influencer nel mirino di critiche e commenti e una nuova denuncia da parte del Codacons che non ha digerito un suo recente fotomontaggio su Instagram in chiave, si può dire, del tutto pittorica e allegorica.

Chiara Ferragni ritratta come una Madonna su Instagram

Qualcuno la ringrazia: “Anziché indignarvi, pensate che, grazie a questo post avete imparato che questa opera è stata realizzata da Giovan Battista Salvi e si intitola “Madonna con bambino“.

Più arte per tutti”. E proprio qui sta l’inghippo. Fa discutere uno degli ultimi post pubblicati da Chiara Ferragni su Instagram, un mero fotomontaggio artistico dove il volto della Ferragni è stato sovrapposto a quello della Madonna di Salvi, nel celebre quadro.

Il post pubblicato da Chiara Ferragni in cui viene ritratta come la Madonna con bambino di Salvi. Fonte: Instagram

Tra provocazione e commercializzazione dell’arte: la denuncia

Una provocazione? Molto di più. Si tratta infatti della copertina concepita e voluta proprio così anticipatrice di un’intervista rilasciata da Chiara Ferragni a Vanity Fair sulle cui pagine la nota influencer italiana ha riflettuto sul concetto di perfezione che come lei stessa ha dichiarato, nella vita, è più un ostacolo che un obiettivo da porsi.

A prescindere dall’intervista, nel corso della quale la Ferragni ha anche lungamente discorso sul ruolo della donna in una società prettamente maschilista, c’è chi però si è fermato solamente alla copertina e le critiche sono state numerose.

L’attacco e l’esposto alla Procura contro Chiara Ferragni

Al di là dei più canonici disappunti nei commenti, la sferzata più forte è arrivata dal Codacons stesso.

L’associazione dei consumatori ha infatti deciso di denunciare la Ferragni per “blasfemia e offesa al sentimento religioso” per quel fotomontaggio che la raffigura come una Madonna e sempre il Codacons sottolinea come l’immagine “abbia generato indignazione  e raccapriccio nell’opinione pubblica e sul web“.

Così, il “ritratto” sotto forma di esposto finisce sulla scrivania del Ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini e si evidenzia come non si possa più parlare di sola provocazione ma di una vera e propria mancanza di rispetto nei confronti dei cristiani e di tutto il mondo religioso: “L’immagine che raffigura la Ferragni nei panni di una moderna Madonna con bambino dipinta da Giovanni Battista Salvi detto il Sassoferrato sfrutta la figura della Madonna e la religione a scopo commerciale, essendo noto come la Ferragni sia una vera e propria ‘macchina da soldi’ finalizzata a vendere prodotti, sponsorizzare marchi commerciali e indurre i suoi follower all’acquisto di questo o quel bene“.

Approfondisci:

Omicidio Willy, Chiara Ferragni commenta: “Cultura fascista”

Chiara Ferragni in lacrime: la commozione ripresa da Fedez

Chiara Ferragni, shooting fotografico agli Uffizi: scoppia la polemica