Sparatoria nel centro di Reggio Emilia. 5 giovani feriti

Il centro di Reggio Emilia la scorsa notte si è trasformato nel Far West, con una sparatoria in piazza del Monte. 5 feriti in totale, di cui uno grave, tutti giovanissimi. Pare infatti che lo scontro a fuoco sia stato la conclusione di una lite fra un ragazzo e un gruppo di coetanei. Intanto, dopo una notte di ricerche, le forze dell’ordine hanno arrestato il pistolero della notte. Si indaga su un possibile regolamento di conti fra baby gang.

5 giovani feriti, uno grave

L’arma sequestrata dalla polizia a colui che intorno alle 23 di ieri ha sparato in pieno centro di Reggio Emilia contro alcuni concittadini, risulta rubata.

Molti testimoni hanno assistito alla terribile scena, e qualcuno è riuscito anche a riprendere il momento degli spari. L’aggressore si è poi dileguato insieme alla folla in preda al panico, lasciando dietro di sé una scia di sangue. Sono infatti rimasti a terra 5 giovani, trasportati in seguito all’ospedale Santa Maria Nuova. Uno di loro, un 20enne, sarebbe in gravi condizioni. Nel mentre, la polizia sta tentando di ricostruire l’esatta dinamica della folle sparatoria.

Al momento l’ipotesi più accreditata verte su uno scontro tra baby gang rivali, ma è ancora tutto da accertare.

La condanna del sindaco Luca Vecchi

Appena appreso della sparatoria, il sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi si è precipitato in piazza del Monte. Su Facebook, ha poco dopo condannato duramente l’accaduto. “Intorno alle 23 il comandante della Polizia Locale Stefano Poma mi ha allertato perché sono stati esplosi alcuni colpi di arma da fuoco in Piazza del Monte. Sono accorso subito sul luogo insieme alle forze dell’ordine e ai soccorritori.

Le indagini sono in corso e sapremo nelle prossime ore più dettagli, rispetto ai quali in questa fase è d’obbligo l’assoluta cautela. È comunque un fatto molto grave che non può accadere nella nostra città. Mi auguro che i responsabili vengano individuati quanto prima e puniti con severità, perché fatti come questo non devono accadere e vanno necessariamente stroncati”.

Arrestato l’uomo che ha sparato a Reggio Emilia

Aggiornamento 15.00 – L’uomo responsabile della sparatoria si chiama Gaetano Lombardi, come riporta Il Resto del Carlino, e sarebbe un operaio 43enne.

La lite con i giovani a cui poi avrebbe indirizzato gli spari sarebbe scaturita da uno scontro mentre si trovava piazza Martiri del 7 Luglio di Reggio Emilia. “Sono stati maleducati“, avrebbe dichiarato l’uomo, “Probabilmente ho un po’ esagerato“.

Lombardi è al momento accusato di tentato omicidio, lesioni, porto comune di arma e ricettazione. La pistola che la polizia ha rinvenuto nella sua abitazione sarebbe stata rubata a Reggio Calabria e si tratterebbe di una Beretta 636.

Gli aggiornamenti della Polizia sulla sparatoria
Gli aggiornamenti della Polizia sulla sparatoria