un'ambulanza

Tragedia a scuola. Una bambina di 10 anni è morta tra le mura scolastiche, dopo aver battuto la testa durante la lezione di educazione fisica. La terribile vicenda è accaduta nella scuola Vittorio Emanuele Orlando a Palermo. Pochi minuti fa è intervenuta per commentare il caso anche il ministro Azzolina, spiegando da subito che anche il Ministero dell’Istruzione farà le sue indagini per chiarire la dinamica di quanto accaduto questa mattina a Palermo.

Batte la testa a scuola

A Palermo una bambina di 10 anni è morta dopo aver battuto la testa durante l’ora di educazione fisica a scuola, spiega Ansa.

La tragedia è avvenuta in una scuola di Palermo e sembra che la bimba, di appena 10 anni, sia morta sul colpo. Ancora non ci sono notizie certe su quanto accaduto e sull’esatta dinamica: non si sa infatti se la piccola sia caduta magari a causa di un malore avuto durante l’attività o per altri motivi. Dopo l’incidente, sono stati chiamati immediatamente i sanitari del 118 che quando sono arrivati sul posto però non avrebbero potuto fare altro che constatare il decesso della bambina.

Sul posto sono anche arrivati gli uomini dei carabinieri per ricostruire quanto accaduto.

Le parole del ministro Azzolina

Sul caso è intervenuta anche il ministro Lucia Azzolina che con un messaggio affidato ai social ha espresso il suo dolore: “Provo profondo dolore per la tragedia avvenuta stamattina in una scuola di Palermo“, ha scritto il ministro su Twitter. “Massima vicinanza alla famiglia della bambina. Il Ministero ha già avviato tutti gli accertamenti del caso“, ha concluso poi specificando quindi che anche il Ministero lavorerà per capire cosa è accaduto tra le mura scolastiche questa mattina.

Le scuole elementari sono tra le poche ancora aperte che permettono agli studenti di recarsi in classe a studiare in questo periodo di emergenza sanitaria.

Lucia Azzolina, il messaggio su Twitter