Il truccatore Diego Dalla Palma

Diego dalla Palma, celebre truccatore dei vip, ha confessato in un’intervista alcuni passaggi oscuri del suo passato. Quando era ancora adolescente, il make up artist che ha lavorato con le più grandi del cinema, è stato vittima di abusi sessuali da parte di un prete. Prima di questa terribile esperienza, Diego Dalla Palma è stato anche ad un passo dalla morte.

Diego Dalla Palma in coma a soli 6 anni


Nel corso di un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, Diego Dalla Palma ha raccontato i passaggi chiave della sua vita, di come il figlio di una coppia di pastori sia diventato tra i più influenti e riconosciuti truccatori al mondo.

Da bambino, dice, era sensibile, mingherlino, effemminato e di conseguenza pesantemente bullizzato. A sei anni, il primo trauma: Diego Dalla Palma viene colpito da una meningite fulminante che lo ha mandato in coma. “Di quella nebbiolina lilla, ricordo la sensazione meravigliosa di avere una vita aerea – ha confessato – mi ha reso consapevole della caducità della vita e mi ha permesso di vivere profondamente“.

Dopo i problemi di salute, il desiderio di fuga dalle Alpi Venete lo ha portato ad allontanarsi da casa, fino a frequentare una scuola d’arte e stare in un convitto di preti a Venezia che per sua stessa ammissione ha rappresentato “la salvezza e la dannazione“.

Gli abusi sessuali su Diego Della Palma

Come raccontato dallo stesso make up artist, i riguardi nei suoi confronti che trovò nella scuola si trasformarono in abusi da parte di un prete, “enorme, di 120 chili“. Diego Della Palma ha anche aggiunto che questi abusi continuarono per due anni finché il sacerdote, in punto di morte, lo chiamò accanto a sé: “Mi chiese: Dieghino, mi vuoi bene?’.

Gli risposi di sì. Mi dissi: lascialo andare in pace“.

Lo stesso Dalla Palma ha affermato che viveva quella situazione non come una violenza, “ma quasi come un servizio. Pensavo: sto qua, vado a scuola, qualcosa devo restituire“. All’epoca, Dalla Palma aveva appena 15 anni e ha dichiarato di non aver raccontato a casa questi avvenimenti: “mamma mi avrebbe dato due ceffoni, per lei, i preti erano solo buoni“.

Diego Dalla Palma tra erotomania e pansessualità

In un altro passaggio particolarmente intenso dell’intervista, Diego Dalla Palma ha confessato che crescendo si è reso conto di essere erotomane.

Un periodo durato dai 24 ai 40 anni, durante i quali dalla Palma racconta di aver messo il sesso prima di qualsiasi altra cosa. Poi, il cambiamento: “È successo lentamente, dopo la morte dei miei genitori. Ho iniziato a chiedermi a cosa mi ha portato tutto questo sesso e la risposta è: vuoti esistenziali, ricordi stinti“.

Sul suo orientamento sessuale, ha poi raccontato del passaggio dalla pansessualità, abbandonata per l’amore con Anna Del Bene, all’omosessualità; “di questa fase ho ricordi meno belli.

Nella vita, lo ammetto, ho molto peccato” ha confessato al Corriere. “Ho messo il sesso come primo valore, sbagliando – ha poi aggiunto – Sono stato un grande fantasista del sesso. L’ho praticato anche con più persone contemporaneamente, più volte di quanto sia andato a passeggiare nei parchi”.

Da Monica Vitti alla Vanoni: la carriera di Dalla Palma

Oltre alle vicende personali, Diego Dalla Palma si è aperto anche sull’aspetto che l’ha portato alla celebrità, ad essere un “profeta del make up made in Italy” secondo il New York Times, un artista del trucco, del rossetto e della cosmesi.

Tra le attrici con cui ha lavorato e che ha truccato, tante grandi icone: da Monica Vitti (“era la modernità“), ad Anna Magnani (“l’impulso, era qualcosa che sono anche io”); ma ancora: Mariangela Melato, che a Dalla Palma ha “insegnato che è più straordinaria una vita imperfetta che una vita perfetta“, e la carismatica Ornella Vanoni.

Approfondisci

Pedofilia in Vaticano, diffuso rapporto McCarrick: a Giovanni Paolo II fornite informazioni incomplete