Neonato che dorme

Agghiacciante lo scenario che circonda la morte di una neonata di meno di un mese, deceduta all’ospedale di Nocera Inferiore pochi giorni fa. Secondo quanto sta emergendo, la bimba sarebbe morta di malnutrizione: di fronte ai problemi, la madre non avrebbe chiesto aiuto perchè troppo spaventata dal possibile contagio da Coronavirus.

Muore bimba di 29 giorni per malnutrizione

La vicenda viene riportata dalle fonti locali della zona di Salerno: nella giornata di venerdì scorso, un coppia di genitori di Angri si è presentata all’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore, preoccupati per le condizioni della figlia di appena 29 giorni.

La piccola è stata immediatamente ricoverata in Terapia Intensiva Neonatale, ma le sue condizioni sarebbero state troppo gravi per salvarla. Dalle prime analisi, sarebbe emersa una condizione disperata di malnutrizione.

La neonata è così morta nella mattinata di oggi. Secondo quanto viene riportato, la bambina aveva perso un chilo dal momento della nascita. La vicenda ora è in mano alla Procura, che ha fatto partire le indagini.

La madre non avrebbe chiesto aiuto

L’inchiesta è partita dopo la segnalazione dell’ospedale ai Carabinieri di Nocera e da qui alla Procura ordinaria.

A guidare le indagini al momento è il sostituto procuratore Viviana Vessa, assieme al Tribunale dei minori di Salerno. Gli inquirenti, secondo le prime ricostruzioni fornite, avrebbero scoperto almeno parte della verità che circonda la morte della bimba di 29 giorni. Alla base ci sarebbe un problema di allattamento della madre: la bambina mangiava, ma non a sufficienza.

Il dramma sarebbe dovuto al fatto che la madre di Angri sarebbe stata troppo terrorizzata dal Covid per chiedere aiuto. Le fonti riportano che si sarebbe rifiutata di uscire di casa, fin quando non è stato troppo tardi per salvare la bambina.

Le parole del Sindaco di Angri

Sulla vicenda, si è espresso nelle scorse ore anche Cosimo Ferraioli, sindaco di Angri. Con un post su Facebook, ha scritto: “Una notizia che sconvolge nel profondo un’intera comunità, che piange con tanta sofferenza nel cuore un piccolo Angelo di solo un mese. Qualsiasi parola non può esprimere un dolore simile. Possiamo solo pregare per questa anima innocente e restare uniti nel lutto“.

Sul corpo della bambina è stata disposta un’autopsia, che aiuterà a far luce sulla tremenda vicenda.

Approfondisci

Como, 3 bimbi ricoverati con sindrome di Kawasaki potenzialmente legata al Covid