volante dei carabinieri

Tragico omicidio-suicido in provincia di Savona. Un 56enne ha ucciso la figlia della compagnia, intervenuta per sedare una lite tra l’uomo e la madre. Dopo averle sparato, il 56enne si è tolto la vita. La giovane vittima aveva 29 anni e, nei suoi ultimi istanti, avrebbe chiesto aiuto ai passanti.

Interviene per difendere la madre: morta una 29enne

Secondo quando riportano le cronache locali, la vicenda è avvenuta nel pomeriggio di ieri, 6 dicembre, a Vellego, frazione di Casanova Lerrone in provincia di Savona. Qui sarebbe avvenuta una pesante lite tra l’agricoltore Corrado Testa e la compagna, Maria Donzella.

Le prime ricostruzioni parlano di dissidi nella coppia, con la donna che avrebbe anche pensato di chiudere la relazione.

In questa nuova lite, particolarmente accesa, è intervenuta la figlia Jessica Novaro, che lavorava a Borghetto Santo Spirito. Quando la 29enne si è fatta avanti, però, Corrado Testa le ha sparato al petto con una calibro 9, che dai primi accertamenti risulterebbe essere detenuta illegalmente.

Dopo averla uccisa, il 56enne si è suicidato

Ferita al petto, Jessica Novaro sarebbe quindi riuscita ad uscire di casa e, in un disperato tentativo di salvarsi, avrebbe chiesto aiuto ai passanti.

Le fonti riportano infatti che nei suoi ultimi attimi avrebbe detto “Non riesco a respirare, aiuto“, prima di accasciarsi al suolo. Qualcuno dei passanti avrebbe quindi chiamato un’ambulanza. Pochi istanti dopo, dalla casa sarebbe uscito anche Corrado Testa, che le aveva appena sparato. Una volta visto il corpo a terra della giovane figlia della compagna, si sarebbe reso conto di quanto fatto e, a quel punto, ha rivolto l’arma contro se stesso. Il 56enne si è sparato alla testa, suicidandosi.

Sui loro corpi è stata disposta l’autopsia e i Carabinieri stanno indagando per appurare tutte le cause e le dinamiche che hanno portato al tragico epilogo. Fondamentale sarà la testimonianza della madre, Maria Donzella, che le fonti riportano in stato di shock dopo aver visto morire la figlia, intervenuta per difenderla contro il compagno.

Approfondisci

Manfredonia, 38enne ucciso: interrogato il bimbo di 7 anni che lo avrebbe accoltellato

Femminicidio Pordenone, i risultati dell’autopsia sul corpo di Aurelia