naso uomo

Un bambino di 6 anni si infila una monetina nel naso mentre sta giocando, ma per paura di essere sgridato dai genitori non lo dice a nessuno. 53 anni dopo si ritrova ad avere dei seri problemi respiratori e, dagli accertamenti, risulta che la narice destra risulta ostruita da un oggetto metallico tondeggiante, simile a una monetina. Ed ecco che riaffiora il ricordo di quel giorno. Decisivo l’intervento dei medici.

59 anni e problemi respiratori durati anni

Un uomo di 59 anni, di nazionalità russa, si è recato presso il policlinico di Mosca, accusando problemi respiratori.

Non era la prima volta che l’uomo si faceva visitare: gli specialisti consultati in precedenza però avevano sempre pensato al setto nasale deviato come causa dei suoi disturbi.

Questa volta è stata eseguita una TAC, la quale ha rivelato la vera causa dei problemi dell’uomo. Un oggetto tondeggiante incastrato nella cavità nasale che si rivelò essere un copeco, oggi equivalente ad un centesimo di rublo.

Attorno alla moneta nel corso degli anni si è formato un rinolito, ovvero un conglomerato di densità pietrosa, che ha ostruito definitivamente la respirazione dalla narice destra dell’uomo.

L’intervento di rimozione

Un team di specialisti guidati dall’otorinolaringoiatra Elena Nepryakhina ha eseguito il delicato intervento in endoscopia per l’estrazione. L’operazione si è conclusa con successo e dopo qualche giorno il paziente è riuscito a tornare a casa.

La moneta estratta -un copeco- ha cessato di essere usata in Russia dopo la caduta dell’URSS nel 1991 e il martello e la falce originariamente incisi non sono più visibili.

Il caso, del tutto particolare, è stato reso pubblico dall’ufficio stampa del dipartimento della sanità di Mosca.

Non è la prima volta

Per quanto possa apparire inusuale riuscire a convivere a lungo con oggetti estranei nel proprio corpo, nel corso degli anni si sono verificati altri casi analoghi. Per esempio, nel 2005, Steve Easton, è stato operato per la rimozione di un pezzo di un giocattolo che si era infilato nel naso da piccolo e cui ha convissuto per circa 44 anni.

Approfondisci

Notizie dalla Russia