maria cristina maccà

Maria Cristina Maccà, nota al pubblico come la “figlia di Fantozzi” ha ormai 53 anni ed ha passato molti di essi a recitare. Oggi però, dopo 37 esperienze cinematografiche e televisive e 40 produzioni teatrali, sembra essere arrivata ad un punto fermo della sua carriera.

La crisi economica nel mondo del cinema

Il motivo di questo suo fermo sembrerebbe la crisi economica che ha colpito tutta Italia a causa del coronavirus. Oltre che le nuove modalità di audizione per i film, dovute proprio alla pandemia.
Sarebbero proprio queste nuove modalità a stare un pochino strette all’attrice.


“I casting da remoto sono l’anticinema” ha rivelato infatti in collegamento con Storie Italiane, poco prima di aggiungere: “Io sono sempre stata abituata a rapportarmi con i registi. Mi hanno scelto o scartato guardandomi negli occhi“.
Di audizioni da remoto ne ha fatte tante, ma da un anno a questa parte non è mai stata richiamata. Proprio per questo ha deciso di andarsene dalla sua amata Roma e tornare nella sua città di origine, Vicenza, dove vive la madre. Al momento si sta affidando ai sussidi statali ed ai suoi risparmi accumulati negli anni, ma ha paura che ciò non basti.

La voglia di tornare a fare ciò che ama

La paura della Maccà, infatti, è che vista la crisi che ha colpito anche il settore cinematografico, lei possa non riuscire a lavorare mai più. La sua unica richiesta è quella di tornare a recitare, possibilmente in teatro. L’attrice, infatti, ha sempre considerato il palco un po’ come una casa, poiché è lì che ha vissuto la maggior parte della sua esperienza lavorativa. Ma a causa del virus questo suo desiderio sembrerebbe più lontano che mai, visto che i teatri sono chiusi.

Per Maria Cristina questa è stata semplicemente la mazzata finale di un settore già fortemente in crisi.

Approfondisci

Anna Mazzamauro (Signorina Silvani) la confessione sull’infanzia e le suore: “Ricordi pessimi”

Lutto in casa Fantozzi: addio a Paolo Paoloni, il Megadirettore Galattico