Esther Dingley escursionista scomparsa sui Pirenei

È passato un mese dalla scomparsa misteriosa di Esther Dingley, escursionista di 37 anni, sui Pirenei. Esther è svanita nel nulla: dal 22 novembre non si hanno sue notizie. Nonostante le ricerche delle scorse settimane in una vasta area al confine fra Spagna e Francia, della giovane travel blogger non è stata trovata alcuna traccia. Le teorie sulla sua sparizione si sono moltiplicate, senza esclusioni: potrebbe anche essere stata rapita. La vicenda ha colpito l’opinione pubblica, per certi versi, un po’ come quella di Simon Gautier, l’escursionista francese 27enne che, la scorsa estate, scomparve nel Salernitano.

Per 10 giorni di lui non si seppe nulla, fino al ritrovamento del cadavere.

L’ultimo avvistamento di Esther

L’ultimo contatto con il suo compagno Dan risale al 22 novembre: un selfie sorridente su WhatsApp e un messaggio d’affetto. Esther, originaria di Durham (Inghilterra), era felice di aver raggiunto Pic de Sauvegarde, al confine tra Francia e Spagna. Era partita da Benasque per un trekking in solitaria, che doveva durare un mese. Durante il viaggio Esther ha aggiornato costantemente il blog di viaggi e il fidanzato Dan Colegate.

Mercoledì 25 novembre avrebbe dovuto far ritorno con il loro camper a Gascony, in Francia, dove l’attendeva il suo fidato compagno d’avventura da oltre 19 anni. Ma Esther non è mai giunta a destinazione.

Il disperato messaggio del fidanzato Dan su Facebook

Dan Colegate ha lanciato l’allarme e dopo qualche giorno ha dato l’annuncio anche su Facebook. Il 28 novembre scriveva sulla loro pagina Esther & Dan: “Sono distrutto. Devo dirvi che la mia amata Esther è svanita nel nulla. L’ultima volta che è stata vista risale a 6 giorni fa, quando mi ha inviato questa foto.

I soccorsi non hanno ancora trovato alcuna sua traccia”. La speranza è l’ultima a morire, ma sono trascorse settimane da quel messaggio e dalle centinaia di commenti dei follower della pagina. “L’unico scopo di questo post è chiedervi di pregare, pensare a lei, accendere una candela. Questa persona meravigliosa crede nel potere positivo dei pensieri e in questo momento non voglio rinunciare a nulla, se questo può essere d’aiuto per ritrovarla. Ho bisogno di lei”, ha concluso disperato Dan. Al momento, però, non si sa più nulla di lei.

Le teorie sulla scomparsa

Nel corso delle settimane, si sono poi moltiplicate sui social e sui giornali esteri le più disparate teorie su dove sia finita la giovane escursionista. Secondo alcuni è stata aggredita da un orso di montagna. Per altri sarebbe caduta in un lago ghiacciato. Per qualche giorno ha girato anche la voce che la ragazza fosse scappata di proposito, per iniziare una nuova vita, ma sia Dan che la madre di Esther hanno immediatamente smentito quest’accusa, dichiarando che la giovane era felice. Dopo alcuni giorni, si sono fatte avanti alcune persone, che affermavano di averla incontrata nei giorni precedenti, nella speranza che le loro testimonianze potessero aiutare le ricerche.

Gli investigatori hanno poi scoperto che il 19 novembre la ragazza avrebbe accettato un passaggio da un altro escursionista sconosciuto, che potrebbe averla seguita e rapita. Finora, tuttavia, nessuna di queste piste ha portato alla risoluzione del mistero.

L’ipotesi più probabile

I dubbi e le domande aumentano ogni giorno, mentre si riducono all’osso le speranze di trovarla sana e salva. L’ipotesi più accreditata, al momento, rimane infatti quella di un tragico incidente. Come spiega al Guardian il capitano Jean-Marc Bordinaro della Gendarmerie francese, potrebbe essere caduta e il suo corpo ora sarebbe sepolto dalla neve.

Sia per la polizia francese che per quella spagnola, non ci sono prove a sostegno di alcuna delle tesi fin qui elaborate. Dove sia Esther rimane una domanda senza risposta.

Esther & Dan

Esther e Dan dal 2014 girano insieme l’Europa, in compagnia di 5 cani. Appassionati escursionisti e travel blogger, amano la natura, la montagna e le avventure. 6 anni fa hanno deciso di licenziarsi dai rispettivi lavori, prendere tutti i loro risparmi e viaggiare senza sosta in tutta Europa. La coppia decise di partire dopo che Dan, a causa di una brutta infezione, rischiò di morire.

Dopo quella difficile esperienza, si legge sulla loro pagina, decisero di “vivere il momento, apprezzare le piccole cose della vita e condividere ciò che ci dà inspirazione. Ogni mattina ci svegliamo e ci chiediamo: ‘Che avventura vivremo oggi?’ “. Un mese fa, è cominciata la più difficile della loro vita.

Esther Dingley e Dan Colegate, escursionisti e travel blogger (Facebook “Esther & Dan”)