bambino

Un bambino di 3 anni è stato ritrovato morto e con diverse mutilazioni sul corpo: al cadavere del piccolo sono stati tolti gli occhi e i genitali. Dopo la denuncia della scomparsa da parte della nonna, la famiglia ha iniziato a cercarlo fino al macabro ritrovamento, seguito da una scoperta ancora più terrificante: ad uccidere il piccolo sarebbe stato qualcuno a lui molto vicino. La notizia arriva dal Sud Africa e si è dilagata sconvolgendo il mondo intero per l’efferatezza del crimine.

Cos’è successo prima

Nella mattinata del 26 novembre Zazi Nzama, di soli 3 anni, è stato portato fuori di casa dal padre, e non ha più fatto ritorno.

A testimoniarlo è stata la nonna che viveva con loro: la denuncia di scomparsa del bambino è stata effettuata proprio dalla donna. Secondo quanto da lei dichiarato, quando al pomeriggio è rientrata dal lavoro non ha trovato il bimbo: quando ha chiesto spiegazioni al padre del piccolo, questo si è alterato ed è diventato violento.

La nonna del bimbo ha subito allertato sia le autorità che la famiglia: immediatamente sono state attivate approfondite ricerche nelle zone circostanti.

 

La macabra scoperta

Il giorno dopo, venerdì 27 novembre, sono stati proprio i famigliari a trovare il cadavere del bambino in seguito a continue ricerche. Il luogo del ritrovamento è una zona di boscaglia fitta a Thembalihle, nell’Estcourt, nella provincia KwaZulu-Natal.

Un chiodo è stato infilato nel cranio e gli sono stati rimossi occhi e genitali: è quanto si apprende dalle autorità e dai media locali sullo stato in cui è stato ritrovato il bambino. Una mutilazione feroce ed efferata avvenuta presumibilmente dopo l’omicidio: per questo atroce delitto è stato arrestato il padre del bambino.

A casa dell’uomo, di 38 anni, sono stati ritrovati nella sua stanza le parti del corpo mancanti al cadavere del figlio.

Dubbi sul movente

Il movente del brutale omicidio non è ancora chiaro. L’imputato sarebbe dovuto apparire in tribunale in 30 novembre ma l’udienza è stata rimandata per permettere lo svolgimento di una perizia psichiatrica.

Il bambino viveva con il padre e la nonna, mentre della madre non si sa nulla se non che non vivesse con il resto della famiglia.

Il bambino era stato affidato alle cure del padre.

Approfondisci

Mamma scompare dopo aver tagliato i genitali al figlio di un anno

Bimba di 2 anni strangolata e uccisa per colpa di un debito di famiglia