Terremoto Croazia

Alle 12.19 una scossa di terremoto di magnitudo 6.3 è stata registrata in Croazia. L’epicentro è stato individuato a Petrinja, a 44 chilometri a sudest di Zagabria, e a una profondità di 10 chilometri. La scossa è stata avvertita anche in Italia, stando a quanto riporta l’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia, lungo tutta la costa Adriatica da Trieste all’Abruzzo. Questo è il terremoto più violento mai registrato in Croazia. Un primo bilancio parla di crolli e feriti.

Crolli, morti e feriti

La Croce Rossa croata ha annunciato su Twitter di stare arrivando sul posto per soccorrere chiunque ne abbia bisogno.

Il premier croato Andrej Plenkovic aveva rivelato da Twitter di starsi dirigendo sul posto. Intanto il sindaco Darinko Dumbović ha parlato con l’emittente 24 Sata, e rivelato che metà della città è ormai distrutta, prima di dare altri terribili dettagli: “Ci sono morti e feriti, abbiamo visto un bambino morto in una piazza, il centro di Petrinja è distrutto. E’ un disastro“, riporta AdnKronos.

Guarda il video

Aiuti dall’UE

Intanto, in questo momento così difficile per il Paese, il premier croato Andrej Plenkovic è già stato contattato al telefono dalla presidente della commissione Ue Ursula von der Leyen, che ha promesso al Paese che arriveranno tutti gli aiuti urgenti da parte dell’Unione di cui hanno bisogno.

Siamo pronti ad fornire aiuto, ho pregato il commissario Janez Lenarcik di recarsi in Croazia non appena la situazione lo consentirà“, avrebbe detto von der Leyen. Itanto però è stato mobilitato l’Esercito croato per fornire la prima assistenza alla popolazione. Le notizie dal lungo si susseguono velocemente e si dovrà attendere per avere un bilancio chiaro.

Intanto nessun danno è stato segnalato in Veneto. La scossa, come detto in precedenza, si è sentita benissimo in tutta la regione, come in altre zone di Italia, sul lato adriatico. Pare che siano state molte le chiamate arrivate ai vigili del fuoco, ma che la situazione è sotto controllo.