colombo la signora in giallo immagini

Il mondo della tv piange la scomparsa di William Link, co-creatore di due serie statunitensi che hanno riscosso un notevole successo: Colombo e La signora in giallo. Lo sceneggiatore aveva 87 anni ed è morto a Los Angeles in seguito ad una insufficienza cardiaca, domenica scorsa. La notizia è stata riportata dalla rivista statunitense Hollywood Reporter.

Addio a William Link, sceneggiatore di successo

Lutto nel mondo della televisione americana e non solo. Si è spento all’età di 87 anni uno dei padri fondatori di alcune delle più popolari serie tv statunitensi: William Link.

Lo sceneggiatore aveva 87 anni ed è scomparso a Los Angeles domenica scorsa in seguito ad una insufficienza cardiaca, come riportato da Hollywood Reporter.

Link è stato indubbiamente una figura di spicco che ha dato vita ad alcuni personaggi storici della televisione americana. Assieme all’allora compagno universitario Richard Levinson ideò la serie televisiva Colombo, con protagonista l’omonimo tenente divenuto celebre nel corso degli anni. Il genere poliziesco ha da sempre appassionato William Link, che con Colombo rivoluzionò di fatto la letteratura gialla classica.

Colombo, La signora in giallo e non solo

Ma William Link fu anche sceneggiatore di un altra popolare serie televisiva, che riscosse un notevole successo nel mondo intero, Italia compresa: La signora in giallo.

Anch’essa ideata assieme a Levinson, la serie racconta la vita quotidiana di Jessica Fletcher, interpretata da Angela Lansbury ed entrata nel cuore di milioni di telespettatori. Anche questa serie appartiene al genere poliziesco, con la protagonista che, da insegnante di inglese in pensione, diventa scrittrice di successo e attenta e curiosa indagatrice dei casi più disparati.

Fra le serie televisive che William Link portò al successo vanno annoverate anche Mannix e Ellery Queen.

Ma non si occupò solo di serie televisive: lo sceneggiatore, supportato sempre da Richard Levinson, ha anche scritto numerosi film, da Hindenburg del 1975 a Rollercoaster – Il grande brivido del 1977.