Cronaca

Trieste, nonno picchiato da due minorenni: pestaggio dopo l’invito a mettere la mascherina

Naso rotto e 30 giorni di prognosi: è il bilancio del pestaggio subito da un nonno vigile a Trieste
uomo compie violenza

Nonno picchiato brutalmente per aver invitato due minorenni a indossare la mascherina: è la sintesi di un fatto che arriva da Trieste, vittima un uomo di 74 anni che sarebbe stato aggredito da un 15enne e un 17enne. Il bilancio è di 30 giorni di prognosi, con intervento chirurgico programmato per rimediare ai danni riportati dopo la rottura del setto nasale. Dopo il racconto a un’emittente locale e la denuncia, gli aggressori sarebbero stati individuati a margine delle indagini avviate dalla polizia locale, incastrati dalle immagini impresse dalle telecamere di un bus. I minori dovranno rispondere in concorso del reato di lesioni personali aggravate.

“Nonno paletta” pestato da due minorenni: il racconto

La storia di Paolo Valenti, 74 anni, è balzata in testa alle cronache dopo il racconto dell’aggressione subita a Trieste da parte di due giovani, che lo avrebbero picchiato selvaggiamente fino a rompergli il naso.

Il resoconto di quei drammatici minuti è arrivato ai microfoni di Telequattro, emittente tv locale che ha raccolto le parole dell’uomo, ancora scosso per l’accaduto.

Uno mi ha preso per la maglia e mi ha buttato indietro, l’altro mi ha dato un pugno nel naso e sono caduto per terra (…). Ho solo detto loro di mettere la mascherina“. L’uomo svolge da 18 anni il servizio di “nonno paletta”, volontario che vigila davanti alle scuole. Il bilancio sarebbe di 30 giorni di prognosi con la programmazione di un intervento chirurgico per rimediare ai danni riportati. Lo rivela la stessa emittente, che ha riportato anche la notizia dell’identificazione dei due presunti aggressori.

Cerchio stretto intorno a un 15enne e un 17enne

“Costituitevi”: questo l’invito del vicesindaco della città, Paolo Polidori, rivolto a chi ha aggredito il nonno vigile di Trieste, un messaggio diffuso via Facebook che ha fatto seguito a un post di denuncia su quanto accaduto.

Aggredito vigliaccamente un nonno paletta davanti ad una scuola, da parte di due ragazzi i quali, sembra per ‘vendicarsi’ dall’essere stati redarguiti per avere la mascherina abbassata, gliel’hanno fatta pagare poco più tardi a suon di pugni in faccia! Verificheremo in breve i filmati delle telecamere (autobus compreso) con la Polizia Locale, e prenderemo questi farabutti“.

E effettivamente il cerchio delle indagini della polizia locale si sarebbe stretto progressivamente – e repentinamente – intorno al profilo dei due presunti aggressori.

Si tratterebbe di un 15enne e un 17enne che dovranno rispondere in concorso del reato di lesioni personali aggravate.

Potrebbe interessarti