Conte e Salvini

Il premier Giuseppe Conte ieri ha vissuta la prima lunga giornata della crisi di Governo aperta nei giorni scorsi da Matteo Renzi. Alla Camera tutto come previsto: 321 sì a 259 no, 27 astenuti e Conte incassa la fiducia. Ora la battaglia più dura, quella al Senato, dove il Governo il premier si dovrà scontrare sia con Renzi che con Matteo Salvini.

Le accuse di Salvini

Chi sostiene questo governo non è un ‘responsabile’, è un complice“, ha detto il leader della Lega dopo il voto di fiducia alla Camera di ieri. “Ormai c’è il ‘senatore Ikea’: monti, smonti a seconda delle esigenze“, ha detto ancora Salvini, “uno che cambia idea in un quarto d’ora non è un ‘responsabile’, è  un complice.

Chi salva il governo che ha creato più disastro nel mondo occidentale pensa alla poltrona“. Se alla Camera tutto è andato come previsto, Salvini prevede però che al Senato le cose non andranno come vuole Conte: “Non arrivano alla maggioranza assoluta, chi non ce l’ha si deve dimettere poi Conte non lo farà, perché ha la faccia multicolor… diciamo cosi“.

Renata Polverini lascia Forza Italia

Intanto ieri Renata Polverini ha votato la fiducia al Governo e deciso di lasciare Forza Italia. “Come ho sempre fatto nella mia vita mi sono assunta una responsabilità.

Non condivido la crisi ora, con la pandemia, le persone in difficoltà, i licenziamenti“, ha detto a margine della votazione. “Lascio Forza Italia, per forza“, ha aggiunto ancora.

L’ex moglie di Giuseppe Conte contro Renzi

Al Corriere della Sera è intervenuta anche Valentina Fico, la ex moglie del premier Giuseppe Conte che ha commentato la crisi di Governo aperta dal leader di Italia Viva: “Renzi all’inizio della carriera politica mi piaceva. Ma per mia natura non apprezzo le persone troppo spregiudicate e le espressioni eccessive di cinismo e di inaffidabilità, neanche in politica, dove pure in un certo grado sono fisiologiche.

Comunque il mio parere non conta, ma temo che ormai non sia simpatico a una buona parte degli italiani“.