anna butim sfregiata marito coltello istanbul

Si è trattato di un vero e proprio incubo per la 28enne Anna, orribilmente sfregiata dal marito per futili motivi. Il compagno 45enne, infatti, avrebbe ripetutamente colpito la giovane in volto con un coltello. Anna ha poi denunciato tutto sui social, postando le foto dall’ospedale e raccontando l’orribile vicenda, nata proprio da un post di Instagram dietro il quale si cela una storia dolorosa.

ATTENZIONE: NELL’ARTICOLO È PRESENTE UN’IMMAGINE CONTENENTE CHE POTREBBE URTARE LA SENSIBILITÀ DEL LETTORE

Il volto sfigurato con un coltello

Anna Butim, 28 anni, originaria dell’Ucraina, ha postato negli scorsi giorni una fotografia sui suoi canali social, mentre faceva shopping insieme a sua sorella e un amico in un centro commerciale di Istanbul.

Questo ha scatenato la follia del marito 45enne Mesut Öztürkmen. L’uomo ha visto la foto e ha deciso di raggiungere immediatamente la 28enne. Al suo arrivo, ha visto che la moglie parlava con l’amico ed è scattato all’attacco, afferrandola alle spalle. Niente può giustificare l’assurdità dei momenti successivi, quando Mesut Öztürkmen ha tirato fuori un coltello e si è avventato con crudeltà sulla moglie, sfigurandole il viso. Dopo averle provocato orribili ferite sulle guance, la fronte, la bocca e il resto del viso, il 45enne è fuggito, approfittando dello shock generale di alcuni testimoni.

anna butim
La denuncia social di Anna Butim. Fonte: Twitter

“Ero sicura di morire”

La ragazza è stata trasportata immediatamente in ospedale e non corre pericolo di vita. Ma le conseguenze dell’aggressione non sono da sottovalutare. La parte destra della faccia, scrive il Sun, è paralizzata perché la lama ha danneggiato gravemente i nervi che controllano i muscoli. A ciò si aggiungono gli effetti psicologici dell’attacco brutale e insensato di suo marito, padre del loro unico figlio (di appena 1 anno).

Eravamo seduti su una panchina a guardare il mare quando mi ha afferrata per i capelli e tirata all’indietro – ha spiegato alla stampa turca la ragazza, intervistata in ospedale – Ho sentito i colpi sulla mia faccia e visto il sangue schizzare ovunque. Ero sicura di morire”. Il 16 gennaio, Anna ha postato sui social le foto delle orrende ferite, del suo volto sfigurato, per denunciare la terrificante violenza subita. “Ora porterò queste cicatrici per tutta la vita”, ha scritto come didascalia.

Il divorzio imminente per le sue violenze

Il giorno dopo, la polizia ha arrestato Öztürkmen con l’accusa di tentato omicidio intenzionale.

Durante l’interrogatorio, avrebbe detto di aver perso il controllo vedendo la moglie parlare con un altro uomo. Al futile motivo si aggiungerebbe la premeditazione del gesto, comprovata dal fatto che il 45enne, come da lui confessato, avrebbe portato con sé un’arma dopo aver rintracciato la moglie grazie ai social. La vittima ha poi raccontato che sono sposati da circa 3 anni, ma il loro matrimonio era ormai al capolinea, a causa della gelosia e dei violenti scatti d’ira dell’uomo. Anna si è perfino trasferita di nascosto e ha avviato mesi fa la pratica per il divorzio.

Aveva paura di lui, per questo lo ha lasciato, tentando di nascondersi.

ATTENZIONE – SE SEI VITTIMA DI VIOLENZA: Numero Nazionale Antiviolenza Donna 1522, attivo tutti i giorni, tutto il giorno, accessibile da tutta Italia in modo gratuito, da rete fissa e mobile (disponibile nelle lingue italiano, inglese, francese, spagnolo e arabo).

Approfondisci:

Gessica Notaro mostra le ustioni da acido: “Immagini molto forti, lo so”

Femminicidio nel Reggino: 69enne uccide la moglie con un’ascia

Femminicidio: un termine nuovo per indicare solo l’ultima ed estrema forma di violenza che è sempre esistita