uomo mano ascia

Le telecamere di sicurezza di una residenza di Meerpet, in India, hanno ripreso l’attacco di un uomo, armato di ascia, ai danni di una donna. Secondo i fatti ricostruiti della polizia, Rahul Goud si sarebbe vendicato in seguito al rifiuto della donna di intraprendere una relazione con lui.

L’aggressione con l’ascia

Le telecamere hanno ripreso la scena da diverse angolazioni. Dall’estero si vede l’uomo, Rahul Goud, arrivare davanti al palazzo in cui vive la vittima dell’aggressione in sella ad uno scooter. Dirigendosi verso l’ingresso, ha visto la donna sulla soglia con un bambino in braccio.

Da una seconda angolazione interna al palazzo, si vede lui avvicinarsi brandendo l’ascia sulla testa.

Le infligge diversi colpi seguendola dentro l’androne. La donna riesce a trovare rifugio all’interno di un’abitazione con il bambino tra le sue braccia. L’aggressore è stato messo in fuga grazie all’intervento di un altro residente evitando ferite gravi alla vittima.

Le avances e la denuncia

Secondo quanto ricostruito poi dalla polizia, grazie anche ai numerosi testimoni presenti sul luogo dell’aggressione, sembrerebbe trattarsi di una vendetta. L’uomo era stato presentato alla vittima diverso tempo prima come amico di famiglia.

Ha da subito mostrato un certo interesse per lei nonostante fosse sempre in compagnia del marito e non ricambiasse le avances.

Ottenuto il suo numero di cellulare in uno degli incontri successivi, aveva iniziato a chiamare incessantemente la donna, confessandole il suo amore e chiedendole di sposarlo. Lei, grazie all’aiuto del marito, aveva sporto denuncia verso Rahul per stalking. Rahul è stato poi arrestato e rilasciato su cauzione poco tempo dopo. Tornato libero si è presentato pochi giorni dopo a casa della donna con l’ascia.

Lei ha riportato diverse ferite alla mano destra, ma nessun colpo si è rivelato grave, mentre il bambino è completamente illeso.

L’uomo è stato immediatamente identificato e arrestato per tentato omicidio.