Mauro Bellugi negli anni Settanta con la maglia dell'Inter

È venuto a mancare all’età di 71 anni Mauro Bellugi, ex calciatore, un grande lutto per il mondo del calcio. Il difensore, con 32 presenze nella Nazionale italiana degli anni Settanta, è scomparso a causa di complicazioni, dopo aver contratto il coronavirus. A darne notizia la moglie Lory e la figlia Giada. Proprio a causa del contagio, Mauro Bellugi aveva subito recentemente l’amputazione di entrambe le gambe, che aveva comunque affrontato con la grande forza di spirito che lo ha contraddistinto in campo e nella malattia.

Mauro Bellugi morto a 71 anni

Mauro Bellugi è morto all’ospedale Niguarda di Milano, dove era stato ricoverato a seguito della positività al coronavirus a inizio novembre.

L’ex difensore dell’Inter, affetto da una malattia del sangue, è stato stroncato da complicazioni, dopo 3 mesi di lotta.

L’amputazione delle gambe

Bellugi aveva dovuto subire, pochi giorni il ricovero, l’amputazione di entrambe le gambe, nel disperato tentativo dei medici di contenere l’attacco del coronavirus. Avversità che aveva affrontato senza mai perdere la speranza.

Il Covid mi ha tolto anche la gamba con cui feci gol al Borussia Monchengladbach“, aveva dichiarato a La Repubblica, parlando dell’unico gol della sua carriera nel 1971, con la maglia dell’Inter.

Bellugi non si sarebbe arreso, aveva spiegato che avrebbe preso le protesi come quelle di Pistorius, e che si sarebbe ispirato ad Alex Zanardi, continuando a combattere per andare avanti. “Bisogna essere d’esempio e, anche se è dura, non si può mollare“, sono state le sue parole.

Il cordoglio per la scomparsa di Mauro Bellugi

Nel mondo del calcio si piange la scomparsa dell’ex calciatore, che ha militato nella sua amata Inter, nel Bologna, nel Napoli e nel Pistoiese. “Oggi ci lascia un grande uomo, un grande calciatore, un grande Interista: ciao Mauro“, si legge nella pagina Twitter dell’Inter, che domani scenderà in campo con la fascia nera al braccio.

Il post su twitter dell Inter
Il post su twitter dell’Inter

Tantissimi i fan che si stringono in un abbraccio social in questi momenti, giornalisti e commentatori sportivi che ne ricordano le gesta sul campo di calcio.

Anche dal mondo dello spettacolo arriva il cordoglio, con Barbara d’Urso, che aveva intervistato Mauro Bellugi pochi giorni fa, che ricorda la sua lotta. “Metto questa foto perché qui sorridi .. nonostante tutto quello che ti stava succedendo.. sorridi e canti con me.. come sempre….la canzone di Modugno… e quanto ridevi e quanto cantavi… !!!!!

Sei un esempio Mauro… uomo , padre, marito .. ed amico meraviglioso… per sempre“, scrive la conduttrice.

Il post Instagram di Barbara d Urso
Il post Instagram di Barbara d’Urso

Approfondisci:

Coronavirus, un anno fa il primo caso in Italia. Speranza: “Grazie agli operatori sanitari”