Dopo l’arresto, l’autore dei lanci di sassi dal cavalcavia sulla Torino-Milano confessa: “Sono pentito. Non so nemmeno perché lo facevamo”

Paura tra le strade di Milano nella notte appena trascorsa: poco dopo la mezzanotte, un uomo avrebbe aggredito alcuni passanti e poliziotti con un grosso coltello, prima di essere ucciso da un colpo sparato da un agente intervenuto sul posto.

Paura a Milano: aggredisce passanti e agenti con un coltello, ucciso

Un uomo di 45 anni sarebbe stato ucciso nella notte a Milano, in seguito a un’aggressione ai danni di alcuni passanti e poliziotti. Si tratterebbe dello stesso autore del gesto che, armato di un grosso coltello, avrebbe scatenato il panico poco dopo la mezzanotte.

Secondo quanto riferito dall’Ansa, alcuni residenti di via Sulmona avrebbero allertato la polizia sull’azione del 45enne, un filippino, stando alle informazioni finora trapelate, già noto alle forze dell’ordine per alcuni precedenti e forse in stato alterato.

Dopo essersi scagliato più volte contro gli agenti intervenuti per fermarlo, sarebbe stato ucciso da un colpo esplodo da uno dei poliziotti.

Poliziotti trasportati in ospedale

L’identità dell’uomo non è stata resa nota, ma dalle prime informazioni emerse sul profilo del presunto aggressore sarebbe emerso un quadro di precedenti a carico per reati contro la persona e spaccio.

Testimoni di quanto consumatosi poche ore fa per strada avrebbero riferito di una strage mancata: inizialmente l’uomo avrebbe tentato di aggredire un rider e poi una persona che usciva da un palazzo. Entrambi, riporta ancora Ansa, sono riusciti a fuggire scampando al peggio.

Una volta sul posto, gli agenti di una prima pattuglia della Polizia avrebbero cercato invano di contenere la violenza del 45enne, e uno di loro sarebbe svenuto dopo essere caduto a terra e aver sbattuto la testa.

All’arrivo della seconda pattuglia del 113, l’uomo si sarebbe scagliato anche contro gli altri poliziotti, uno dei quali, dopo aver provato a evitarlo, avrebbe sparato.

Il decesso del 45enne sarebbe avvenuto poco dopo. Per 2 agenti, di 22 e 36 anni, si sarebbe reso necessario il trasferimento in ospedale. Le loro condizioni non sarebbero gravi.