fausto gresini morto

Nelle ultime ore si era diffusa la notizia, poi smentita, della morte di Fausto Gresini. Ora, a dare l’annuncio della sua morte è la stessa scuderia di cui era manager e che porta il suo nome con un messaggio sui social.

Fausto Gresini è morto: l’annuncio

La notizia che non avremmo mai voluto dare, e che purtroppo siamo costretti a condividere con tutti voi“, scrivono sui social in questi ultimi minuti. “Dopo quasi due mesi di lotta contro il Covid, Fausto Gresini è purtroppo scomparso, pochi giorni dopo aver compiuto 60 anni“, aggiungono salutandolo, “Ciao Fausto“. Le ultime ore sono state difficili, ieri sera la notizia della scomparsa che si era improvvisamente diffusa, poi la smentita, e infine questa mattina arriva la notizia definitiva: Gresini è morto a soli 60 anni.

 

Chi era Fausto Gresini

Per gli amanti del motociclismo non c’è bisogno di presentazioni. Ha esordito come pilota nel 1982 nella classe 125, dove diventa campione del mondo per ben due volte, una nel 1985 e nel 1987. 132 gare disputate da professionista, 21 vittorie e 47 podi. Il ritiro risale al 1994, e nel 1997 è nato il Gresini Racing team. Grandissimi campioni hanno lavorato al suo fianco e nel suo team: Alex Barros, Loris Capirossi, Marco Melandri, Sete Gibernau, Alex De Angelis.

A dicembre è risultato positivo al Covid, ricoverato a Imola, dopo alcuni giorni è stato deciso il suo trasferimento al Maggiore di Bologna, viste le sue condizioni. A Bologna è stato ricoverato in terapia intensiva. Poi una festa di compleanno organizzata online con gli amici e colleghi a celebrarlo sui social: “Buon compleanno caro Fausto sei stato un grande compagno di squadra un team manager e ora un grande amico“, scrive Loris Capirossi.

Poi le continue notizie dall’ospedale, aggiornamenti e smentite e infine questa mattina la notizia definitiva.

Buon viaggio amico mio“, scrive proprio in questi momenti Melandri su Instagram.

Marco Melandri, post su Ig
Dalle Storie instagram di Marco Melandri