cani blu russia

Nel mondo del web si trovano spesso curiosità, stranezze e vere e proprie assurdità, che possono talvolta divertire, talvolta destare preoccupazione. Ad esempio, ha fatto scalpore il ritrovamento di un gruppo di cani di colore blu, come i Puffi, in mezzo alla neve. Questo anche perché gli animali girovagano nei pressi di una vecchia fabbrica in Russia, per cui subito si è pensato alle sostanze chimiche e materiali pericolosi abbandonati, rischiosi per la loro salute.

Le reazioni alle foto dei cani blu

Per gli abitanti di Dzerzhinsk, cittadino a circa 370 chilometri da Mosca, sarebbe stato difficile non notare 7 cani blu in mezzo alla neve.

E probabilmente, se l’avessero solo raccontato, non sarebbero stati creduti. Invece, grazie alle nuove tecnologie, hanno fotografato gli insoliti animali e postato le immagini sui social media, facendo il giro del web. Le reazioni sono state varie e contrastanti. C’è chi ha scherzato sull’accaduto, come un utente di Twitter che ha scritto “Intanto, qui in Russia abbiamo il bug (un errore di sistema, ndr) dei cani blu”, rispondendo ad un altro che si lamentava di altri bug informatici.

Altri hanno paragonato i cani colorati a personaggi di cartoni animati e film.

Allo stesso tempo, molti hanno espresso la propria preoccupazione animalista. Per quale motivo questi animali si presentavano in maniera tanto assurda?

Sostanze chimiche nella fabbrica abbandonata

Una delle spiegazioni più accreditate, scrive il Moscow Times, riguarda la vicina fabbrica abbandonata della città, dove ancora giacciono inutilizzati materiali e sostanze chimiche alla mercé di tutti. Si pensa dunque che i cani randagi si siano intrufolati dentro la fabbrica, un tempo adibita alla produzione di plexiglass e acido cianidrico, e siano rimasti esposti ai materiali chimici come il solfato di rame.

Magari, dicono gli animalisti, ci hanno giocato e si sono rotolati sopra, ricoprendo il loro pelo di polvere blu brillante.

Gli attivisti hanno immediatamente preso in custodia i cani, trasferendoli in una clinica veterinaria per testare la loro salute. I medici hanno preso campioni di sangue e feci, vaccinato e sterilizzato i 7 cani. Fortunatamente, non sono in pericolo di vita. Anzi, l’agenzia di stampa RIA Novosti afferma che 2 di loro hanno già trovato una famiglia e una casa.

Approfondisci

Ancona, 850 cani in un allevamento “lager”: metà di loro è affetta da brucellosi

Deluso dai figli, 50enne intesta tutti i suoi averi al cane: la rabbia dei suoi 5 figli

Dipingere le mucche come zebre aiuta l’ambiente, lo dice la scienza

Foto in evidenza: @russopolit / Twitter