Ibrahimovic a Sanremo

Sul palco dell’Ariston fa il suo ingresso Zlatan Ibrahimović, ospite fisso di questa 71° edizione del Festival di Sanremo. Fortemente voluto da Amadeus, il calciatore improvvisa un siparietto dettando al conduttore le sue ‘regole’ personalizzate della kermesse: “Ho portato le regole del mio Festival“.

Matilda De Angelis prima co-conduttrice

Amadeus, nel corso della prima serata del Festival, introduce la prima co-conduttrice che ha fortemente voluto al suo fianco in questo lungo percorso: Matilda De Angelis. La giovane attrice italiana, volto femminile al suo fianco stasera, fa il suo ingresso sul palco dell’Ariston.

Emozionatissima ma anche assolutamente intenzionata a mostrare il suo carattere a 360°: scherzoso, irriverente e determinato.

Sanremo è un palco strano, che ti fa dimenticare tutte le cose che sai fare, come produrre saliva“, scherza la ragazza dimostrando l’elevato impatto emotivo. E, successivamente, lancia una battutina in riferimento alla mancata partecipazione di Naomi Campbell. La modella internazionale, infatti, doveva rientrare nel cast di questo Festival affiancando Amadeus in una delle cinque serate. Tuttavia l’emergenza Covid l’ha di fatto impossibilitata a raggiungere l’Italia e ha così dovuto rinunciare a questa proposta: “Grazie per avermi voluta qui, mi è bastato buttare Naomi Campbell giù per le scale… No, scherzo, non sono stata io“.

L’ingresso sul palco di Zlatan Ibrahimović

Ma, dopo la De Angelis, è in arrivo sul palco dell’Ariston uno degli ospiti fissi fortemente voluti da Amadeus: Zlatan Ibrahimović. Il calciatore del Milan prenderà parte ad ogni serata e, questa sera, fa il suo debutto in veste di ospite speciale. “Buonasera Italia, sono onorato di essere qua“, le parole del campione, cui fa seguito però un’avvertimento ben preciso: “Ho portato le regole del mio Festival.

Amadeus prende parte a questo siparietto cercando di fermare il desiderio del suo ospite di prendere il timone del Festival: “No Zlatan mi spiace ma io sono il direttore“. Il calciatore risponde: “Mi hanno detto così: il direttore è Zlatan. Me l’ha detto Zlatan“.

Le ‘regole’ del Festival secondo il calciatore

Il siparietto tra i due prosegue tra ironia e divertimento. Ibrahimovic chiede: “Ok il Festival è tuo, quindi?“. E, a seguire, elenca ad Amadeus le sue ‘regole’ personalizzate della kermesse: “Eccole le regole, scrivi. Numero uno: il Festival di Zlatan sarà di 22 cantanti, 11 contro 11 sennò non è regolare“.

Il riferimento è alla consueta formazione di una squadra in una partita di calcio. Ma i riferimenti al panorama calcistico continuano: “Regola numero due: quanto è grande questo palco? Questo palco l’hanno fatto per piccole persone come te, a me serve 105 x 68, come San Siro, sennò questo Festival è annullato“.

L’Ariston, secondo Zlatan Ibrahimović, dovrebbe così avere le sembianze di uno stadio, con il suo campo da calcio e le sue regole ben precise. Il siparietto si conclude con il calciatore che assume il suo ruolo di ospite e, affiancandosi ad Amadeus, presenta il nuovo cantante in gara.