Donatella Rettore

Dopo un totale di 4 partecipazioni, torna al Festival di Sanremo Donatella Rettore. La cantante, questa volta, non gareggia fra i Big ma si esibisce nel corso della serata dei duetti al fianco de La Rappresentante di Lista. Ma il suo rapporto con la musica inizia sin da giovane: una passione che non l’avrebbe mai più abbandonata.

Gli esordi e le esperienze al Festival di Sanremo

Nata a Castelfranco Veneto l’8 luglio 1953, Donatella Rettore è figlia di una nobildonna ed un commerciante. Il suo amore per la musica inizia sin da piccola quando, a soli 10 anni, si diletta a creare il suo primo complessino “I Cobra”, esibendosi nelle parrocchie ed ispirandosi a Caterina Caselli.

La partecipazione al tour di Lucio Dalla del 1973 le spiana la strada per una carriera ricca di successi.

Sempre nel 1973 incide il suo primo singolo Quando tu, mentre l’anno dopo debutta al Festival di Sanremo con Capelli sciolti. La sua storia con la kermesse canora è lunga e si possono contare altre tre partecipazioni: nel 1977 con Carmela, nel 1986 con Amore stella e nel 1994 con Di notte specialmente.

Il ritorno di Donatella Rettore all’Ariston nella serata dei duetti

Fra i successi discografici dell’artista meritevoli di menzione spiccano la celeberrima Splendido splendente, appartenente all’album Brivido divino del 1979, e Kobra dell’album Magnifico delirio dell’anno successivo.

Ma, ritornando all’importante rapporto con il Festival di Sanremo, per Donatella Rettore la sua esperienza con la kermesse si arricchisce di un nuovo importante capitolo. La cantante infatti si esibisce questa sera, nella serata dedicata alle cover, al fianco de La Rappresentante di Lista, uno dei 26 Big in gara. Il brano su cui hanno deciso di duettare è uno dei grandi cavalli di battaglia della Rettore: Splendido Splendente.

Una canzone che ha segnato un’intera generazione e che, ancora oggi, è canticchiata ed apprezzata da molti.