alba parietti molestata giovane ore 14

Una Alba Parietti inedita, ieri, ha parlato alla trasmissione Ore 14 condotta da Milo infante, ed ha raccontato di un gravissimo episodio di molestie subito in gioventù. La showgirl ha anche raccontato di non aver parlato per moltissimi anni di quello che era accaduto perché aveva difficoltà a raccontare alcuni drammatici episodi.

Alba Parietti racconta delle molestie subite: “Ti vergogni”

Le parole di Alba Parietti arrivano decenni dopo l’accaduto, ed è lei stessa a spiegarne il motivo: “Non ho avuto il coraggio di raccontarlo a nessuno, neanche a me stessa. Ti vergogni di ammettere di essere debole, di aver subìto.

È un senso di paralisi, di incapacità di reagire tanto è lo sgomento di trovarsi in una situazione che non ti sei cercata”.

La dichiarazione arriva a posteriori di altri racconti fatti dalla showgirl, che aveva raccontato l’esatto contrario, ovvero di non essere mai stata vittima di abusi. Ancora oggi, ad ogni modo, la donna non ha intenzione di palesare l’identità del suo aggressore, che non ha mai denunciato.

Alba Parietti racconta la molestia, interviene Monica Setta

Sulla questione, sempre durante la trasmissione, è intervenuta anche Monica Setta, conduttrice, che ha dichiarato la sua solidarietà alla Parietti ed ha ribadito: “L’elemento che Alba ha introdotto in questo dibattito è quello della violenza alle donne forti, che purtroppo esiste”.

L’importanza della testimonianza della Parietti, per Monica Setta, deriva proprio dal fatto che la showgirl sia una persona indipendente e dalla forte personalità: “Accettare una violenza per una donna forte equivale a fare un torto a tutto ciò che ha conquistato. Quella di Alba è una testimonianza importantissima”.

A quel punto, Monica Setta ha voluto raccontare una sua personale testimonianza: “A me è capitato di dovermi difendere nel mio lavoro.

Quello del giornalismo è sempre stato un ambiente estremamente maschilista, non a caso ho avuto dei colleghi che hanno cercato in tutti i modi di sbarrarmi la strada”.