Nada, gli uomini della sua vita: l'amore fraterno per Piero Ciampi e quello per il marito Gerry Manzoli

Andrà in onda questa sera su Rai 1, alle 21:25, il film che racconta la storia e la vita di Nada Malanima, quella bambina che non voleva cantare (da cui si è ispirata la pellicola, La bambina che non voleva cantare con Nada interpretata dalla cantante Tecla Insolia) che è salita per la prima volta sul palco del Festival di Sanremo a soli 15 anni, lanciata nel mondo della musica dove ha poi raccolto un enorme successo. Al suo fianco, nella vita di tutti i giorni ora rigorosamente in Toscana, lontano dai riflettori, Gerardo (Gerry) Manzoli, suo marito.

Nada, l’incontro e l’amore con Gerardo (Gerry) Manzoli

Un vero e proprio evento mediatico quello che è pronto ad essere trasmesso questa sera su Rai 1 dove nella serata di ieri, martedì 9 marzo, è stato dato largo spazio alla storia di Loredana Bertè nello speciale Non sono una signora.

Sarà infatti trasmesso in prima serata il film La bambina che non voleva cantare, storia della cantante di Livorno soprannominata, per la precoce età a cui trovò successo, il pulcino del Gabbro. Da sempre Nada, sotto i riflettori come cantante, cantautrice e attrice, ha sempre avuto molto rispetto della propria vita privata tenendola molto lontana dal gossip e dalle chiacchiere.

Il matrimonio e la nascita della figlia Carlotta

Sono pochissime le apparizioni di Nada in vesti non “istituzionali”. Al suo fianco però, sappiamo dal 1974, c’è Gerry Manzoli, all’anagrafe Gerardo Manzoli. Ex bassista de I Camaleonti, l’incontro con Nada era avvenuto nel 1973, dopo la fine del rapporto tra la cantante e Franco Migliacci, il paroliere che l’aveva scoperta nel lontano 1969. Di lui, come della moglie Nada, le notizie sono centellinate: nato il 28 agosto del 1941, Manzoli aveva trovato molta fama proprio con I Camaleonti, complesso musicale italiano nato negli anni ’60.

Insieme, la coppia, ha dato alla luce la figlia Carlotta che ora ha poco più di 40 anni.

Il ritiro nella casa in Toscana

La coppia da anni vive felicemente insieme lontano dai rumors nella loro casa a Manciano, la collina e rifugio spirituale di Nada. Nel 2016, nel corso di un’intervista a Il Corriere della Sera, parlando proprio del marito Manzoli, soprannominato “il bello de I Camaleonti”, la cantante dichiarava: “Gerry si è dedicato totalmente a me. Io sono pigra, se non ci fosse stato lui a spingermi e spingermi, avrei fatto molto meno di quello che ho fatto“.

L’amore fraterno per Piero Ciampi

Gerry Manzoli però non è stato il solo uomo nella vita della cantante: ancor prima di conoscere Manzoli, nella vita di Nada aveva già fatto capolino Piero Ciampi, una figura per lei molto importante sebbene non si possa parlare di storia d’amore nei termini più tout-court.

Lui era il poeta, il pazzo, l’ubriacone. Melis gli aveva chiesto di scrivere per me – racconta Nada in un’intervista sempre del 2016 a La Repubblica – […] Con Piero fu un incontro di vita, oltre che di arte“. Incalzata ad approfondire: “Se intendi andarci a letto, no. L’ho amato come si ama un fratello bizzarro e geniale.

Sai, era come se ogni volta camminasse a piedi nudi sui vetri e il dolore fu la forma che diede alle sue canzoni“.