Nada Malanima, La bambina che non voleva cantare: biografia, carriera, età, successi

In tempi recente il nome della celebre cantante italiana Nada Malanima, conosciuta più semplicemente come Nada, è tornato alla ribalta alla luce del film sulla sua vita, La bambina che non voleva cantare, in onda questa sera, 10 marzo, su Rai 1 alle 21:25. Tutto sulla vita della cantante di Gabbro: dagli albori della carriera ai suoi più grandi successi passando per la vita privata e l’amore.

Nada, le origini: dal perché del suo nome al soprannome pulcino del Gabbro

Figlia d’arte di un noto clarinettista, Gino Malanima, Nada è nata a Gabbro in provincia di Livorno nel 1953 il 17 novembre e ha oggi 67 anni.

Un nome particolare il suo, Nada, frutto di un incontro tra la madre Viviana Fenzi e una zingara: una donna che le aveva predetto che sua figlia avrebbe avuto un grande successo nella vita e che avrebbe viaggiato molto. Scoperta dal paroliere editore musicale e talent scout italiano Franco Migliacci, Nada sale a soli 15 anni sul palco del Festival di Sanremo.

La biografia: dal Festival di Sanremo nel ’69 a soli 15 anni al successo da cantautrice

Era infatti il 1969 quando Nada conosceva la sua fama su quel palco dell’Ariston cantando uno dei suoi più grandi successi: Ma che freddo fa.

Un brano che finisce in cima alle classifiche e che regala a Nada la gloria, divenendo famosa in tutta l’Europa e anche oltre, in Giappone. Una popolarità che arriva quando lei ha solamente 15 anni e che le costa il soprannome di pulcino del Gabbro. Torna al Festival di Sanremo, da quel momento, in più occasioni: nel 1970 al fianco di Ron, nel 1971 cantando Il cuore è uno zingaro insieme a Nicola Di Bari, brano con il quale vince il Festival.

Guarda il video:

I suoi più grandi successi, le canzoni e il Festival di Sanremo: Amore Disperato

Il 1973 è l’anno di svolta: Nada non è più un pulcino e, seguita da Gerry Manzoli dei Camaleonti, si propone al pubblico da cantante adulta e con alle spalle già una grandissima carriera.

Collabora con altri grandi della musica come lei come Venditti, Baglioni e Cocciante e nel ’77 si esibisce al fianco di Piero Ciampi, Paolo Conte e Renzo Zenobi. Il 1983 è l’anno del suo successo Amore disperato, tormentone destinato a non esaurirsi essendo ancora oggi considerato uno dei brani che più rappresentano gli anni ’80. Torna al Festival di Sanremo nel 1987 arrivando però ultima con Bolero.

La sua carriera, dagli anni 2000 in poi, è mera consacrazione di una cantautrice che alle spalle ha già più di 30 anni di carriera.

Sanremo, dove tutto è iniziato, continua ad essere un grande leitmotiv della sua vita ricorrendo di tanto in tanto come nel 2007 quando Nada torna all’Ariston col brano, da lei scritto, Luna in piena.

Nada e i film: una parallela carriera da attrice al cinema

Fino a qui abbiamo citato solamente alcuni dei loro successi senza far menzione all’iconica Senza un perché, il brano che è stato inserito anche all’interno della colonna sonora della prima stagione della fortunata serie The Young Pope, ideata e diretta da Paolo Sorrentino.

Ma Nada non è stata e non è solo una cantante: largo spazio nella sua vita anche al cinema e alle sue doti da attrice. Erano infatti gli anni ’70 quando, la bambina che non voleva cantare, inizia a frequentare una scuola di recitazione. Tanti i film in cui Nada è apparsa come L’acqua cheta di Novelli; Il diario di Anna Frank di Bosetti.