barbara durso chiara ferragni vittoria maria

Il nome più atteso dell’anno, finora, è stato sicuramente quello della secondogenita dei coniugi Ferragnez. Da quando è nata ed il nome è stato svelato, il 23 marzo scorso, probabilmente chiunque in Italia ha sentito parlare, o ha letto, della piccola Vittoria Lucia Ferragni. Ciononostante, c’è qualcuno che è riuscito a sbagliare il nome della piccola “Royal baby italiana”, chiamando la nuova arrivata Vittoria Maria: è Barbara d’Urso, che ha commesso la gaffe durante una puntata di Pomeriggio Cinque.

Barbara D’Urso, doppio errore: “La piccola Vittoria Maria”

L’occasione per la gaffe si presenta nell’ambito di un servizio di Pomeriggio Cinque in cui si parla del ritorno a casa della piccola Vittoria e del primo momento in cui la bimba verrà vista dal fratello maggiore, Leone Lucia Ferragni.

Il dramma nasce quando la conduttrice parla dell’incontro tra “la piccola Vittoria Maria e il piccolo Leone: sto parlando dei bimbi di Chiara Ferragni e Fedez”. La conduttrice fa così un doppio errore: in primis, infatti, confonde il “Lucia” di “Vittoria Lucia Ferragni” per un secondo nome, trasformandolo in Maria, mentre si tratta del cognome ereditato dal padre (che, infatti, prima di essere Fedez è “Federico Lucia”).

In secondo luogo, a prescindere, trasforma “Lucia” in “Maria”.

Sul blog di Davide Maggio si legge che l’errore sarebbe stato svelato alla conduttrice durante la pubblicità da Leonardo Maini Barbieri, Tik Toker, anche se la questione non avrebbe convinto del tutto la conduttrice, che ha dichiarato di aver visto su una testata la dicitura “Vittoria Maria”.

Chiara Ferragni: la questione del doppio cognome

Entrambi i figli della coppia Fedez-Chiara Ferragni hanno il doppio cognome. Un’idea di Chiara Ferragni, già nata in occasione dell’arrivo del primo figlio (che infatti si chiama Leone Lucia Ferragni) e che nelle stories di Instagram, un po’ di tempo fa, aveva spiegato la sua scelta ai follower: “Alla bimba metterò entrambi i cognomi, perché sono importanti allo stesso modo e dare solo il cognome del padre deriva da un sistema patriarcale con cui non mi trovo d’accordo”.