Caserta, 16enne legato con un guinzaglio al cofano e picchiato dal padre: arrestato il 54enne, violenze anche sulla madre

Una quotidianità fatta di violenza, botte, umiliazioni fisiche e psicologiche quella portata alla luce da un ragazzino di appena 16 anni che è scappato di casa per andare a denunciare il padre, un uomo di 54 anni di origini albanesi, per il calvario che ha inflitto a lui e alla madre.

54enne lega il figlio di 16 anni al cofano con un guinzaglio

Sono racconti di indicibili violenze quelli che emergono dal resoconto di madre e figlio e ora in mano agli inquirenti della questura di Caserta dove lo scorso 6 marzo il ragazzo di appena 16 anni si è rifugiato per raccontare cosa quotidianamente viveva insieme alla mamma tra le mura domestiche.

Un quadro che, dal racconto reso dal ragazzo agli agenti della Polizia di Stato, sarebbe parso chiaro fin da subito e che col tempo, con l’aggiunta dei dettagli riferiti anche dalla madre, si è fatto molto più complesso e riconducibile ad un inferno di violenze e umiliazioni.

Violenze sul figlio e sulla madre

La denuncia sporta dal 16enne agli inizi di marzo sarebbe arrivata dopo un ennesimo violente episodio subito dal ragazzino da parte del padre: il 16enne avrebbe infatti raccontato agli inquirenti come, qualche giorno prima, il padre lo avesse legato con un guinzaglio al cofano della macchina per poi colpirlo alla testa.

Un colpo costato al 16enne un trauma cranico e un gesto che sarebbe arrivato dopo che il padre lo avrebbe sorpreso in compagnia di un amico a lui poco gradito.

Ascoltata la madre in questura

L’apice di tante altre violenze subite in passato come le botte date con un tubo per irrigare e che si aggiungerebbero a quelle subite dalla madre. Chiamata anche lei in questura per essere ascoltata, la donna avrebbe confermato le dichiarazioni del figlio raccontando le violenze vissute su di sé da parte del marito violento che in più occasioni l’avrebbe picchiata, altre volte trascinata a terra e presa a calci.

Arrestato il 54enne

Indagano su questo incubo familiare gli agenti della questura di Caserta che al momento, dopo aver raccolto un corposo numero di prove, avrebbero disposto il fermo e poi l’arresto dl padre del 16enne, su ordine del Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, il 54enne sul quale al momento grava l’accusa di maltrattamenti.