verissimo-tommaso-zorzi-maurizio-costanzo-show

Si radunano a Verissimo, per la prima volta insieme ospiti di Silvia Toffanin, gli opinionisti de L’Isola dei Famosi: Elettra Lamborghini, Tommaso Zorzi e Iva Zanicchi. L’intervista a tre tocca differenti tematiche, a cominciare dalle recenti critiche piovute su Zorzi per non aver difeso a dovere la legge, non ancora approvata, contro l’omotransfobia. Il ragazzo si difende.

Verissimo accoglie gli opinionisti dell’Isola

L’Isola dei Famosi ha preso il via a metà marzo con un’edizione ricca di sorprese e colpi di scena. Al timone del reality Ilary Blasi, affiancata da tre opinionisti d’eccezione: Tommaso Zorzi, Elettra Lamborghini e Iva Zanicchi.

Simpatici ed affiatatissimi, il trio sta intrattenendo il pubblico da casa con i loro giudizi sui naufraghi, senza peli sulla lingua e con la schiettezza che da sempre li contraddistingue.

In studio, nelle prime due puntate, sono stati presenti solo la cantante e l’influencer milanese: Elettra, costretta a casa dal Covid, è invece intervenuta in video-collegamento per sentirsi comunque vicina a loro. Una volta negativizzata, la showgirl bolognese è entrata in corsa nella terza puntata affiancandosi in studio ai suoi due compagni di viaggio. Oggi a Verissimo il trio si riunisce, ma ad accalappiare subito l’attenzione è un argomento quanto mai attuale: la legge contro l’omotransfobia.

Tommaso Zorzi si difende dalle critiche ricevute per non aver supportato a dovere tale legge nel corso dell’ospitata al Maurizio Costanzo Show.

Tommaso Zorzi risponde alle critiche

Nel corso dell’intervista, Silvia Toffanin chiede a Tommaso Zorzi un giudizio su questa polemica. Come sappiamo la legge Zan contro l’omotransfobia non è ancora stata approvata in Parlamento a causa dell’opposizione soprattutto di Giorgia Meloni e del suo partito, Fratelli d’Italia.

Nella puntata del Maurizio Costanzo Show in cui sono stati ospiti, fra gli altri, proprio l’influencer e la politica, Zorzi non si è espresso sulla vicenda. Numerose le critiche piovute su di lui, accusato di non aver speso una parola per difendere l’importanza di questa legge considerato soprattutto l’attivismo dell’influencer nella comunità LGBT.

A Verissimo Zorzi si giustifica così: “Ai miei detrattori dico che prima della messa in onda del programma, c’è una riunione in cui Costanzo mi aveva detto che avrebbe fatto una domanda su questa cosa all’onorevole Giorgia Meloni. Lui è intervenuto nei modi e con le persone giuste e quando a farlo è un uomo etero di una certa credibilità, il messaggio è ancora più forte“.

Faccio tanto e in silenzio

Il non essersi espresso in occasione del Maurizio Costanzo Show su questa tematica non implica non averla a cuore. Questo il pensiero che trapela dalle sua parole: “Il mio parere lo sanno tutti, su questa cosa ho combattuto molte volte. Mi sono sempre esposto, ma quando c’è un’autorità come Maurizio Costanzo faccio un passo indietro perché riconosco in lui l’autorevolezza“.

Zorzi spiega comunque di essere affettivamente legato alla comunità LGBT in difesa di coloro che hanno subito discriminazioni e aggressioni, verbali e fisiche, per via del loro orientamento sessuale: “È una comunità per la quale faccio tantissimo in silenzio.

Faccio beneficienza, rispondo ai ragazzini cacciati di casa dai genitori, o aiuti concreti come donazioni. Faccio tanto e in silenzio, quindi mi spiace quando la mia comunità mi attacca e quando viene messa in dubbio questa buona fede“.

Approfondisci

Tommaso Zorzi contro le critiche dopo il Maurizio Costanzo Show: “Mai mi sarei permesso di fare il pollaio in casa di Costanzo”

Tommaso Zorzi e il saluto alla misteriosa Silvia durante L’Isola dei Famosi: svelato il mistero e c’entra Paolo Bonolis