Il paradiso delle signore, Emanuel Caserio: i sacrifici prima del successo e la morte del fratello Edoardo

La carriera sembra andare a gonfie vele per Emanuel Caserio, meglio conosciuto nei panni di Salvatore Amato, volto noto della serie Rai Il paradiso delle signore. Ma per arrivare al successo di oggi, l’attore ha dovuto fare rinunce importanti tanto da patire la fame e arrivare a digiunare.

Oltre ai problemi economici, Emanuel ha dovuto affrontare un dolore indescrivibile legato alla prematura morte del fratellino Edoardo.

Emanuel Caserio, i lavori per mantenersi gli studi

Il 31enne Emanuel Caserio, originario di Latina, nutre da sempre una grande passione per la recitazione. Dopo tanto studio e dedizione, inizia la carriera con alcune apparizioni nelle serie televisive italiane più famose come Squadra antimafia 7 e Un medico in famiglia.

Prende anche parte in Il commissario Rex 7 e Welcome to Italy. Ma la soap opera che lo porterà a farsi conoscere al grande pubblico è Il paradiso delle signore, rivestendo il ruolo di Salvatore Amato. La scalata verso il successo non è stata tutta rosa e fiori, anzi, ha comportato grosse rinunce per l’attore. Per pagarsi le scuole di cinema e teatro ha infatti lavorato molto occupandosi di diversi mestieri: barista, cameriere e fattorino. Ma non sempre i guadagni bastavano arrivando addirittura a saltare i pasti per risparmiare.

Emanuel, il digiuno per risparmiare

Prima di raggiungere la fama di oggi Emanuel Caserio ha affrontato difficili periodi di instabilità economica. In un’intervista al settimanale Grand Hotel ha spiegato di aver patito molto all’epoca, tanto da dover scegliere cosa e quando mangiare. Compravo i tortellini, quelli secchi che costavano meno – ha spiegato l’attore – Garantendomi un pasto completo, primo e secondo, che mi permetteva di arrivare fino all’indomani“. Poi continua, sottolineando la difficoltà del periodo: “Ma non andava sempre così bene perché c’erano dei giorni in cui digiunavo del tutto.

Per fortuna, ora le difficoltà economiche per Emanuel sono solo un lontano ricordo. Dopo essersi diplomato al rinomato Centro sperimentale di cinematografia di Roma inizia ad interfacciarsi con il mondo televisivo, acquistando sempre più notorietà.

La scomparsa del fratellino Edoardo

I problemi economici sono solo una piccola parte dei cupi periodi passati dall’attore. La vita di Emanuel è stata segnata per sempre dalla dolorosa perdita del fratellino Edoardo, scomparso a soli 10 anni. Emanuel aveva 16 anni quando un terribile male ha portato via suo fratello.

Tutto è incominciato quando Edoardo ha accusato per la prima volta dei lievi dolori ai reni. Poi, dopo alcuni controlli, i medici gli avrebbero diagnosticato un tumore ai reni. Immediatamente operato, l’hanno sottoposto a dei cicli di chemioterapia e radioterapia e sembrava che la situazione stesse migliorando. Poi, la terribile notizia: il male si stava estendendo anche alle ossa e per il piccolo Edoardo non c’è stato più niente da fare.

La perdita del fratello, un dolore incolmabile: “Alcune notti mi ritrovo a piangere

Un dolore inspiegabile che ha segnato per sempre la vita di Emanuel Caserio e di tutta la famiglia.

L’attore ricorda con grande affetto il fratellino, commemorandolo sui social con post e descrizioni. Oggi Edoardo avrebbe quasi 25 anni e il fratello lo ricorda come un bambino solare, buono e creativo a cui la vita è stata spezzata troppo presto.

La sofferenza per la perdita è immensa e l’attore ha ammesso che, spesso, rivive il dolore con grande intensità, come se fosse appena successo. Alcune notti mi ritrovo a piangere come fosse accaduto da poco – ha raccontato in una vecchia intervista al settimanale DiPiù Il dolore torna all’improvviso, magari per un sogno, perché sento un profumo che mi ricorda Edoardo.

È come se il dolore fosse chiuso in uno scrigno e poi riuscisse a trovare la chiave e a tornare da me“.