verissimo-donatella-rettore-marcella-bella

Da nemiche a sorelle: questa è la storia di Donatella Rettore e Marcella Bella, due delle cantautrici più apprezzate nel panorama musicale italiano. Le incomprensioni nate in quel lontano Sanremo ‘86 si sono tramutate, nel corso degli anni, in un inaspettato chiarimento. Oggi le due dive si reputano grandi amiche e, a Verissimo, rivelano: “Adesso siamo sorelle“.

Da Sanremo ’86 ad oggi: prima nemiche, ora sorelle

Silvia Toffanin accoglie a Verissimo due primedonne della musica italiana: Marcella Bella e Donatela Rettore. L’occasione è quella di ripercorrere le brillanti carriere di due interpreti senza tempo e senza età, che con le loro canzoni hanno segnato un’intera generazione.

Una reunion nel segno della musica e non solo, dal momento che la loro intervista tocca anche uno scottante argomento che le ha viste coinvolte per anni.

Era il 1986 quando, entrambe al Festival di Sanremo, Marcella Bella e Donatella Rettore si scontrarono creando così un antagonismo che fece tanto discutere. Incomprensioni, differenti visioni della musica e della vita e reciproche punzecchiature: questi gli ingredienti che le hanno portate a battibeccare dietro le quinte dell’Ariston. Tuttavia, nel corso degli anni, le distanze che le dividevano si sono assottigliate sempre più ed oggi entrambe parlano di una sana e profonda amicizia.

Si sono riscoperte complici dopo un periodo di frequentazione, in cui hanno chiarito gli aspetti più bui e controversi del loro turbolento rapporto. E ad oggi, di quel Sanremo ‘86, resta solo un labile ricordo.

La confessione sulla Rettore: “Grande provocatrice

A Verissimo, ospiti quest’oggi nel salotto di Silvia Toffanin, Donatella Rettore e Marcella Bella raccontano la loro splendida amicizia. A cominciare, però, dalla loro prima conoscenza come racconta la Bella: “Io e lei ci siamo conosciute quando io avevo già fatto successo con Montagne verdi, ma ero ancora molto giovane, e lei era sconosciuta.

Lei si avvicina, eravamo in un ristorante, mi dice: ‘Sono una cantante’. Io l’ho ascoltata e le ho fatto gli auguri per la carriera, poi mi ha anche chiesto un passaggio. Ho fatto tante cose gentili per lei“.

Se la conoscenza, inizialmente, è apparsa positiva e cordiale, il litigio a Sanremo ’86 ha mostrato tutti i limiti del loro rapporto. “Lei è una grande provocatriceammette la Bella riferendosi alla collega –  si diverte ed è una dispettosa. A lei piace provocare e vedere la reazione, solo che io mi infiammo in un attimo.

Lei mi attaccava e io le rispondevo per le rime“.

Da nemiche a sorelle

Ritornando sugli attriti all’Ariston, Marcella Bella ammette con profonda sincerità e trasparenza: “Non ho mai capito perché lei mi punzecchiasse. Io non ce l’ho mai avuta con lei, lei ce l’aveva con me. Siamo due completamente diverse. Quando dovevo fare una trasmissione e sapevo che c’era lei, dicevo: ‘Oddio, c’è la Rettore’. Poi ci siamo ritrovare in un’altra trasmissione e lì mi ha scoperta“. E aggiunge: “Era prevenuta nei miei confronti, forse per lei non ero abbastanza rock“.

Sebbene i dissapori abbiano rischiato di minare il loro rapporto, ad oggi le due icone della musica italiana ne sono certe: la loro amicizia è destinata a durare. Donatella Rettore afferma: “Adesso siamo sorelle, più che amiche. C’è qualcosa di più, un collante diverso. Ed è già in programma tornare sul palco a cantare insieme, è una cosa che comincerà in settembre“.

Approfondisci

Chi è Marcella Bella: tutta su vita privata, carriera, marito e sul fratello Gianni Bella

Donatella Rettore, una vita dedicata alla musica: i successi discografici e le esperienze a Sanremo