verissimo-monica-guerritore-ricordo-madre

Monica Guerritore, ospite quest’oggi nel salotto di Verissimo, ripercorre le tappe della sua carriera e della sua vita, segnata anche dalla dolorosa scomparsa della madre. Un brutto mostro, l’Alzheimer, l’ha portata via lasciando nel cuore dell’attrice un vuoto incolmabile. “Ha cominciato a recidere per primi i sentimenti“, afferma l’attrice riferendosi alla malattia.

Monica Guerritore a Verissimo 

A Verissimo si racconta Monica Guerritore, una delle attrici più affascinanti e talentuose del cinema italiano. Tantissime le collaborazioni con registi di alto rango, da Vittorio De Sica a Luigi Comencini, per i quali ha messo a disposizione la sua eleganza e il suo fascino che non conoscono età.

Nel corso dell’intervista ai microfoni di Silvia Toffanin l’attrice si racconta a tutto tondo, dalla carriera sul set al profondo legame con la famiglia. E, in particolare, con mamma Giuseppina.

Il legame tra madre e figlia è sempre stato molto intimo ed entrambe hanno condiviso momenti indimenticabili della loro vita. Ma un brutto mostro le ha improvvisamente private di tutti questi attimi di complicità e passione: l’Alzheimer. La madre della Guerritore si è ammalata di questa infida malattia che l’ha portata pian piano a spegnersi, lasciando nella vita dell’attrice un vuoto incolmabile.

Le prime avvisaglie della malattia della madre

Monica Guerritore ricorda mamma Giuseppina affrontando di petto il dolore e raccontando come l’Alzheimer l’abbia portata via. L’attrice ha raccontato di trovarsi in ospedale per un’operazione quando, per la prima volta, ha visto nella madre le prime avvisaglie della malattia.

Mia madre è sempre stata forte ma molto affettuosa e presente – spiega – Mi sono operata la mattina e c’era mio padre, mia madre è arrivata con ritardo nel pomeriggio. Io sul momento ho pensato: ‘Forse non voleva farmi preoccupare’.

Però nella sua presenza così ritardata e nel suo modo di stare lì, ho capito che si era rotto qualcosa di affettività tra me e lei“.

Soffrono da morire e non se ne rendono conto

L’attrice rivela: “Io credo che quello sia stato il momento in cui la malattia, l’Alzheimer, ha cominciato a recidere per primi i sentimenti. Credo sia il campanello d’allarme. E forse ho pensato anche che fosse una protezione, perché la persona colpita non soffre più. Sono persone che non sanno perché ma soffrono da morire e non se ne rendono conto“.

La morte di mamma Giuseppina ha lasciato un vuoto incolmabile nel cuore dell’attrice che, nonostante la mancanza, ne percepisce ancora la presenza: “Quando se ne è andata non era più lei: ho sentito proprio che l’anima si liberava dal corpo.

Io la sento sempre, come se fosse molto più presente di prima. Credo sia una cosa che tutte le figlie abbiano con la madre“.

Approfondisci

Monica Guerritore chi è: la carriera, gli amori, le figlie e la lotta contro il tumore al seno a 48 anni