Umberto-Smaila-Instagram

Attore, cabarettista, musicista ma soprattutto showman. Umberto Smaila inizia la sua carriera negli anni ’70 con lo storico gruppo comico I Gatti di Vicolo Miracoli. La sua immagine è indissolubilmente legata a Colpo grosso, il sexy show di Italia 7 diventato un vero e proprio cult degli anni ’80 e ’90. Oggi nonno innamoratissimo del piccolo Edoardo, ripercorre la sua vita, fatta di grandi soddisfazioni professionali e familiari.

Il successo di Colpo grosso e il mito delle ragazze Cin Cin

In un intervista rilasciata al settimanale Oggi, Umberto Smaila ha ripercorso la sua carriera in tv e riportato alla luce i ricordi delle stagioni di Colpo grosso che lo videro alla conduzione del programma.

Un sexy show che “Piaceva pure ai frati” come ricorda il conduttore rievocando un episodio molto particolare. “Accadde durante una partita di calcio tra frati e noi della nazionale artisti tv. Un frate mi disse: ‘Mi piaceva molto di più quando lo facevi tu’.

Rispetto alle mitiche ragazze Cin Cin racconta: Per il 99 per cento erano straniere, per loro era un modo per fare una vacanza in Italia. E, soprattutto, nessuno dei familiari ne avrebbe saputo nulla”. E aggiunge: “Le inglesi quando seppero che veniva diffuso da una televisione privata in Gran Bretagna si preoccuparono.

Ma poi finì tutto a tarallucci e vino, gli spogliarelli non dico che fossero casti, ma insomma… Non era la lap dance. Quelle che si spogliavano erano modelle che venivano dall’Olanda, dalla Norvegia…”

Un periodo d’oro, uno spettacolo malizioso che entrò nel cuore e nella memoria degli italiani nonostante la produzione: Avveniva in maniera artigianale anche perché c’era poco tempo, dovevamo fare 4 puntate una via l’altra dalle 2 alle 8 di sera.”

Umberto Smaila dopo Colpo grosso

Dopo 4 fortunatissime stagioni Umberto Smaila abbandonò la conduzione di Colpo grosso per iniziare una nuova avventura teatrale, una scommessa senza garanzie di successo.

“A un certo punto mi sono trovato da 200 puntate all’anno a zero. Ho dovuto rivedere tutta la mia vita, vendere la Mercedes, mi sono rimboccato le maniche e sono andato in teatro a fare Fred Buscaglione. E poi ho messo in piedi l’orchestra, i locali Smaila’s. Insomma ho cominciato una nuova vita a 40 anni”.

Dopo gli anni ’90 le sue apparizioni in tv si sono progressivamente diradate lasciando spazio alla carriera da musicista. Si è inventato il brand dei locali Smaila’s, sparsi nel mondo, nei quali suona il pianoforte.

Ha scritto musiche per il cinema, compreso Tarantino. Ma soprattutto ha avuto la possibilità di costruire una bella e grande famiglia.

Umberto Smaila: “Il mio colpo grosso l’ho fatto in famiglia”

Il ritratto dello showman che si compone nel corso dell’intervista a Oggi è quella di un uomo che ha vissuto una vita piena e ricca di soddisfazioni. Oggi, a 70 anni, Smaila è soprattutto una marito felice, orgogliosamente padre di 4 figli e nonno del piccolo Edoardo. Alla giornalista ha confessato: “Se non vedo tutti i giorni la sua foto non sto bene.” E conclude: “Ho una bella famiglia unita e suono il piano.

Che rimpianti posso avere?”

Approfondisci

Umberto Smaila: una furia contro la crisi che sta colpendo i musicisti e il mondo dello spettacolo

Tra I Gatti di Vicolo Miracoli c’era anche Franco Oppini, padre dell’ex concorrente del GF Vip Francesco. Scopri chi è l’ex compagno di Alba Parietti