carabiniere con il cane

Un tentativo di rapina in una gioielleria della frazione Gallo di Grinzane Cavour, in provincia di Cuneo, finisce nel sangue con due dei malviventi morti e un terzo in fuga. I rapinatori sarebbero stati raggiunti dai proiettili del titolare del negozio, ma le dinamiche sono ancora poco chiare. La stessa gioielleria aveva già subito una rapina nel 2015, durante la quale il titolare è stato malmenato e le figlie chiuse in bagno.

Rapina a Grinzane Cavour: morti due dei malviventi

Il tentativo di rapina sarebbe avvenuto alle 18.30 alla gioielleria Mario Roggero, in via Garibaldi di Grinzane Cavour, una decina di km di distanza da Alba.

Tre malviventi sarebbero entrati e, secondo le indiscrezioni investigative, sarebbero stati armati di pistola.

Il titolare avrebbe però reagito sparando dei colpi, alcuni dei quali avrebbero raggiunto due dei rapinatori, che sarebbero morti nella fuga. Uno dei corpi si sarebbe trovato appena fuori dalla gioielleria, mentre l’altro a qualche metro di distanza.

L’intervento delle forze dell’ordine nella gioielleria

Poco dopo sarebbe arrivato sul posto il 118, ma i tentativi di soccorrere i due malviventi sarebbero andati a vuoto. I Carabinieri sarebbero ora a caccia del terzo rapinatore fuggito, e sarebbero stati allestiti posti di blocco.

Indaga sulla rapina la Procura di Asti.

La precedente rapina

La gioielleria di Grinzane Cavour era già stata bersaglio di una rapina il 22 maggio 2015. In quell’occasione, il titolare era stato picchiato e chiuso insieme alle figlie nel bagno. Le due sarebbero poi riuscite a dare l’allarme, e i rapinatori sono stati arrestati tempo dopo grazie alle immagini delle videocamere di sorveglianza.

Le parole del sindaco di Grinzane Cavour

La cittadina di Grinzane Cavour è rimasta molto scossa dall’accaduto, avvenuto su una delle strade principali.

Il primo cittadino Gianfranco Garau, arrivato appena dopo l’accaduto sentendo gli spari, ha dichiarato alla Gazzetta di Asti che tutta la comunità è molto provata.

Oggi abbiamo vissuto una pagina tragica per il nostro paese. Uno shock per la famiglia Roggero e per i compaesani. Una rapina con un epilogo drammatico su cui gli inquirenti stanno lavorando per ricostruirne la dinamica“, sono le sue parole, “Siamo vicini alla famiglia Roggero che già qualche anno fa subì una violenta rapina nella storica gioielleria. Siamo tutti sconcertati e tristi“.

Approfondisci:

Napoli, cadaveri trovati in strada: indagata la vittima della rapina