donna di 33 anni morta a Napoli, il corpo parzialmente carbonizzato

Drammatica scoperta all’interno di un’abitazione di San Paolo Bel Sito, nel Napoletano: una donna di 33 anni sarebbe stata trovata senza vita, il corpo parzialmente carbonizzato. Secondo quanto finora emerso, gli inquirenti seguirebbero la pista dell’omicidio e ci sarebbe un fermo.

Cadavere di una 33enne parzialmente carbonizzato: la scoperta nel Napoletano

La vittima sarebbe una giovane donna, Ylenia Lombardo, 33enne residente nella provincia di Napoli il cui corpo, secondo una prima ricostruzione riportata dall’Ansa, sarebbe stato trovato nel pomeriggio di ieri all’interno di un’abitazione di San Paolo Bel Sito.

Sul caso indagano i carabinieri della Compagnia di Nola, che in queste ore, riporta ancora l’agenzia di stampa, avrebbero fermato una persona. Si tratterebbe di un 36enne, attualmente a disposizione della locale Procura.

33enne trovata morta in casa, il corpo semicarbonizzato

Il cadavere, secondo la ricostruzione finora emersa, presenterebbe evidenze di violenze, e sarebbe stato trovato parzialmente carbonizzato all’interno dell’abitazione.

Dai segni che sarebbero stati evidenziati sul corpo, si farebbe strada l’ipotesi che la giovane possa aver subito un’aggressione prima di essere uccisa e data alle fiamme.

Non sarebbe al momento escluso che la 33enne possa essere stata picchiata prima della morte, ma lo scenario degli elementi attualmente al vaglio degli inquirenti sarebbe ancora fluido.

A dare l’allarme, secondo quanto riportato dal quotidiano La Repubblica, sarebbe stato un gruppo di ragazzi che, passando nei pressi della casa teatro dell’accaduto, avrebbe notato del fumo e avrebbe quindi chiesto l’intervento dei soccorsi. Non sono stati resi noti altri dettagli sul fermo eseguito poche ore fa, e sulla complessa attività di indagine vige il massimo riserbo.

Saranno i risultato dell’autopsia sul corpo della giovane donna a restituire un quadro più nitido delle cause del decesso e del contesto in cui sarebbe maturato il delitto.

Approfondisci:

Uccisa, fatta a pezzi e gettata nel cassonetto: orrore a Bologna