Lucia Ocone chi è: da Non è la Rai a Quelli che il Calcio tra imitazioni, ironia e figli

Attrice e comica italiana, Lucia Ocone ha spento le sue 47 candeline da appena 3 giorni. Se nella sua carriera ha fatto divertire tutti con i suoi personaggi buffi ed esilaranti, nella vita privata è una donna riservata. Tutto su Lucia Ocone, l’imitatrice di Quelli che il calcio da Non è la Rai ad oggi.                       

Lucia Ocone: gli esordi da imitatrice

Ironica, e soprattutto autoironica, Lucia nasce come imitatrice: l’abbiamo vista nei panni della venditrice Veronika, dell’infermiera Mimma, di Anna Moroni, sue “parodie” preferite come ama definirle lei stessa. I personaggi da lei interpretati sono tuttavia molti di più, circa 50.

Ed è proprio con le imitazioni che Lucia muove i suoi primi passi. A soli 20 anni esordisce in TV a Non è la Rai, nei panni della parrucchiera Deborah e della maga Lucia.

In un’intervista rilasciata a La vita in diretta, l’attrice laziale spiega come abbia scoperto il suo talento un po’ per caso, grazie alla passione per Anna Marchesini. Della straordinaria attrice umbra conosceva a memoria gli spettacoli, i personaggi e, rifacendo le sue battute un po’ per gioco, un po’ per l’inconsapevolezza della gioventù si è ritrovata sul palco. Da lì la sua ascesa al successo è stata rapida: Macao nel 1997, poi con la Gialappa’s band in Mai dire domenica, Mai dire grande fratello e Mai dire lunedì fino al programma di Simona Ventura nel 2005, Quelli che il calcio.

Il piccolo e il grande schermo

Sono diverse anche le serie TV in cui ha recitato. L’abbiamo conosciuta nei panni di poliziotta in Una famiglia in giallo e nello spin-off Il commissario Manara e poi in veste di severa professoressa di latino e greco ne I liceali. Tantissimi i ruoli comici rivestiti anche sul grande schermo: dalla signora Tucci di Poveri ma ricchi a Rossana di Metti la nonna in freezer.

Facendo un piccolo tuffo nel passato abbiamo ancora: Immaturi, Maschi contro femmine e Nessuno mi può giudicare con Paola Cortellesi.

Come l’ironia le ha salvato la vita: single per caso o per scelta?

Anche nelle situazioni private in cui sei triste, l’ironia sdrammatizza”, afferma Lucia Ocone sempre a La vita in diretta, ma poi avverte la leggerezza non è superficialità. Che sia questa allora la chiave del suo successo e della sua felicità, prendere la vita con leggerezza, “avere l’idiozia nel sangue”? E se l’ironia è la parte fondamentale della sua vita, che spazio trova in tutto questo l’amore?

Dal feed Instagram di Lucia Ocone emerge un unico grande amore: quello per la sua cagnolina Fiona. L’attrice e comica di Albano Laziale non ha ancora trovato l’anima gemella? Pare di no. Tuttavia la sua non sarebbe una scelta, sta bene da sola, ma si dichiara disposta ad accogliere l’amore vero quando e se arriverà.