verissimo-giorgia-meloni-lacrime-figlia

Per la prima volta ospite a Verissimo, l’onorevole Giorgia Meloni mostra al grande pubblico un’immagine inedita di se stessa, più personale. Tolte le vesti di politica, si concede ad un’intervista intima in cui racconta l’amore che la lega alla famiglia, dal compagno Andrea alla figlia Ginevra. È proprio la piccola di casa ad averle spalancato le porte dell’amore: “I figli sono tutte le emozioni più grandi“.

Giorgia Meloni in una veste inedita

Leader del partito Fratelli d’Italia dal 2014, l’onorevole Giorgia Meloni si racconta oggi pomeriggio nel salotto di Verissimo. Un’intervista che sfiora soltanto argomenti prettamente politici e che, anzi, offre della ospite di Silvia Toffanin una veste totalmente inedita.

È prossimo all’uscita nelle edicole Io sono Giorgia. Le mie radici, le mie idee, il nuovo libro della politica nel quale ripercorre la sua vita attraverso riflessioni e stati d’animo. Non un’autobiografia, ma un diario in cui ha messo su carta un flusso di pensieri senza filtro alcuno, ma raccontando con sincera trasparenza la sua personale visione della vita.

Nel salotto di Verissimo Giorgia Meloni ripercorre la sua vita, dall’infanzia assieme alla mamma e alla sorella Arianna al complicato rapporto con un padre assente.

Per poi crollare in lacrime guardando le immagini delle persone più importanti della sua vita: il compagno Andrea e, soprattutto, la figlia Ginevra.

Gli insulti durante la gravidanza

Nel corso della sua prima gravidanza Giorgia Meloni si è circondata dell’amore del compagno Andrea e dell’affetto della famiglia. Tuttavia sono moltissime le critiche, a tratti pesanti, ricevute dai cosiddetti “leoni da tastiera”. L’onorevole ne parla con un filo di amarezza, rivelando di essere stata vittima di giudizi che l’hanno ferita nel profondo: “Ho sofferto quando annunciai che aspettavo Ginevra.

Ci sono stati moltissimi odiatori e molti di questi ti auguravano di abortire. Lì questa cosa l’ho patita perché per la prima volta mi sono sentita in colpa verso di lei, come se non l’avessi protetta: è stata veramente l’unica volta in cui un insulto mi ha ferita dentro“.

Nonostante tutto, all’età di 39 anni, la politica ha dato alla luce la sua piccola Ginevra: “Ho cominciato troppo tardi, poi ho provato a darle un fratello ma niente. Ho scoperto che esistono dei test che ti dicono per quanto tempo ancora… Forse dovremmo fare un po’ più di formazione su questo tema.

Io avrei voluto saperlo prima che a un certo punto le cose sarebbero diventate molto più difficili“.

Il rapporto con Ginevra: “Giochiamo e scherziamo tantissimo

La nascita della figlia Ginevra è stata una gioia incredibile per Giorgia Meloni, che ammette di aver conosciuto “tutte le forme più estreme di emozioni: l’amore, la paura. Quando diventi madre è come se smettessi di vivere avendo come baricentro te stesso: il baricentro si sposta su un’altra persona e tu non sei più libero di fare nulla. I figli ti fanno sperimentare, sono la tua schiavitù e la tua libertà, alla fine sono tutte le emozioni più grandi.

Sono in grado di regalare un battito di cuore con uno sguardo. Lei si gira e viene, ti abbraccia, ti bacia. Le dico: ‘Perché mi baci?’. E lei: ‘Perché ti amo’“.

Il rapporto con la principessa di casa è davvero speciale: “Con Ginevra sono molto mielosa, giochiamo e scherziamo tantissimo. È una bambina molto intelligente, sveglia“.