autobomba esplode davanti ad una scuola femminile di Kabul

Un’autobomba è esplosa davanti ad una scuola di Kabul, causando più di 50 vittime, quasi tutte studentesse. Un episodio drammatico, uno dei più gravi dopo l’annuncio del ritiro delle truppe dall’Afghanistan da parte degli Stati Uniti.

Autobomba davanti ad un liceo femminile a Kabul

Secondo l’ultimo bollettino ufficiale sono circa 58 le vittime e più di 150 feriti, quelli causati da un’autobomba esplosa davanti ad un liceo femminile, si tratta della scuola di Syed Al-Shanda, nel distretto Dasht-e-Barchi di Kabul. Una scena straziante quella alla quale hanno assistito i primi soccorritori arrivati sul posto, trovandosi davanti alle macerie della scuola sparse ovunque insieme a libri e fogli di carta, oltre ai corpi di vittime e feriti.

Operazioni rese difficili anche dalla violenza con cui sono stati accolti; secondo quanto riferito da Euronews diversi operatori di ambulanze sarebbero stati aggrediti al loro arrivo sul posto.

Le immagini drammatiche dell'esplosione a Kabul

Scene drammatiche che si sono ripetute nei presi dell‘ospedale Muhammad Ali Jinnah, dove da un lato molti si sono messi in fila per donare il sangue e dall’altro diverse famiglie angosciate intente a controllare che il nome dei propri figli non fossero nell’elenco dei deceduti.

L’attacco all’uscita da scuola

Stando alle prime ricostruzioni, l‘autobomba sarebbe esplosa mentre le ragazze stavano lasciando le aule. Un attacco mirato, secondo quanto riferisce Reuters, spiegando che l’ala più colpita era proprio quella destinata alle giovani; la scuola è divisa in tre aree, la seconda è quella predisposta alle classi femminili.

Le immagini drammatiche dell'esplosione a Kabul

Come spiegato da Najiba Arian, portavoce del ministero dell’educazione afghano, a Reuters, il raggio d’esplosione della bomba ha colpito principalmente le studentesse. “Io non so in che Paese viviamo… noi voigliamo solo vivere in pace e sicurezza” ha detto sempre a Reuters il parente di una delle giovani vittime.

La condanna unanime dell’attacco alle studentesse di Kabul

Al momento l’attacco non è stato rivendicato, ma secondo quanto riferito dal Presidente Ghani ha matrice terroristica e talebana, le sue parole a Reuters: “I Talebani, con l’escalation della loro guerra illegittima e violenza, hanno mostrato ancora una volta che non sono intenzionati a risolvere questa crisi pacificamente. Stanno solo comlicando la situazione“. Ghani ha poi aggiunto che questo è “Un attacco imperdonabile“.

Le immagini drammatiche dell'esplosione a Kabul

A Ghani ha fato eco Ross Wilson, diplomatico di Washington: ” Questo attacco terroristico a una scuola femminile di Kabul è abominevole.

Con decine di uccisioni, questo imperdonabile attacco ai bambini è come un assalto al futuro dell’Afghanistan, che non può reggere. Le mie più sentite condoglianze agli studenti e alle famiglie che hanno sofferto“.

Le immagini drammatiche dell'esplosione a Kabul