sama habbas sparita dopo aver rifiiutato matrimonio combinato

Sulla scomparsa di Saman Habbas, 18enne di Novellara (Reggio Emilia) che ha denunciato il matrimonio combinato dai suoi genitori, assume sempre più le note di una cronaca nera. Gli inquirenti emiliani indagano infatti per omicidio: sospetta la partenza improvvisa dei familiari in Pakistan e della ragazza non c’è traccia. In un video, sono state riprese 3 persone con delle pale vicino casa.

Saman Habbas rifiuta il matrimonio combinato: sparita a 18 anni

La vicenda è venuta alla luce qualche mese fa, quando l’allora minorenne Saman Habbas ha riferito agli assistenti sociali del comune di Novellara che i genitori avevano combinato il suo matrimonio con un cugino, connazionale pakistano.

Il tutto, chiaramente, contro la volontà della giovane che ha trovato il coraggio di ribellarsi: la sua denuncia ha portato all’accusa di costrizione o induzione al matrimonio e per qualche tempo Saman è stata ospite presso una struttura protetta, dalla quale però compiuti i 18 anni ha deciso di andarsene.

Saman sarebbe quindi ritornata a casa della sua famiglia e da qui sarebbe sparita. Le fonti riportano che, secondo le ricostruzioni, già una volta la 18enne si era recata in Nord Europa, salvo poi fare ritorno.

Da qualche tempo invece Saman risulta scomparsa e ora gli inquirenti indagano la famiglia per omicidio: la madre e il padre sono infatti tornati in Pakistan, secondo il fratello 16enne assieme alla figlia. Tuttavia, dai registri aeroportuali non risulta la sua partenza.

Saman Habbas, 3 persone riprese in un video con delle pale

Le forze dell’ordine hanno attivamente cercato Saman Habbas nella zona di Novellara, anche mediante l’uso di cani ed elicotteri. Secondo le fonti, l’ipotesi al vaglio è che i genitori e forse altri parenti possano essere coinvolti nel suo omicidio e occultamento di cadavere.

Tutto perchè la 18enne ha rifiutato il matrimonio combinato in Pakistan con un cugino. A sostegno di questo macabro quadro, ora ci sarebbe anche un video visionato dagli inquirenti.

I Carabinieri del comando provinciale di Reggio Emilia, riporta Ansa, avrebbero infatti analizzato le immagini di una telecamera di sicurezza vicino alla casa di Saman Habbas. Qui, avrebbero visto 3 persone – al momento non è certo si tratti di parenti – mentre si dirigono nei campi dietro casa con pale, un secchio con un sacchetto azzurro, un piede di porco ed uno strumento di lavoro non meglio precisato.

Con i genitori già in Pakistan, non è escluso che si debba ricorrere a rogatorie internazionali per far luce sulla scomparsa della giovane.