duplice omicidio a Roma: uccise due donne

Duplice omicidio a Trevignano Romano, in provincia di Roma: secondo quanto emerso, due donne sarebbero state uccise nel primo pomeriggio e gli inquirenti avrebbero fermato il figlio di una delle vittime.

Due donne uccise a Trevignano Romano

Le informazioni sulla vicenda sono ancora frammentarie e, secondo una prima ricostruzione riportata da Adnkronos, i carabinieri di Bracciano avrebbero fermato il figlio di una delle due donne uccise, un 34enne che avrebbe dei precedenti.

Vittime la madre dell’uomo, 65 anni, e una vicina di casa 76enne. Consumato il duplice omicidio, il 34enne si sarebbe dato alla fuga e avrebbe investito un gruppo di ciclisti, finendo per essere poi intercettato e bloccato di militari.

Duplice omicidio a Trevignano Romano: indagini sul movente

Le indagini sui due omicidi sono in corso e gli inquirenti sarebbero attualmente al lavoro per scoprire il movente e l’esatta dinamica dei delitti. La morte delle due donne sarebbe avvenuta intorno alle 13 di oggi a Trevignano Romano, e dai primi elementi emersi sembrerebbe che la prima ad essere aggredita sia stata la madre del 34enne. Successivamente, l’uomo avrebbe rivolto la sua furia contro la vicina di casa senza darle scampo.

Secondo quanto riportato da Adnkronos, dopo il duplice omicidio sarebbe fuggito dalla scena del crimine a bordo di un’auto rubata prima di travolgere un gruppo di ciclisti. Il 34enne, riferisce ancora l’agenzia, avrebbe problemi di tossicodipendenza e, riporta TgCom24, sarebbe stato sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio e trasferito all’ospedale di Bracciano.

Attualmente sarebbero ancora in corso i rilievi da parte dei Carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Ostia, sul posto per cristallizzare tutti gli elementi potenzialmente utili a ricalcare i contorni degli omicidi.

Secondo quanto emerso, non sarebbe escluso l’utilizzo di una sorta di lancia rudimentale in legno, con cui le due vittime potrebbero essere state trafitte. Un’ipotesi, questa, riportata da numerose fonti ma non ancora confermata.